Contrordine a Dagospia: Gubitosi e Piscopo vanno protetti

Dagospia
Foto dal web

Lezione di censura n.1 della Rai: boicottate L’ultima Ribattuta.

Lezione di censura n.2 della Rai: intervenite subito e fate rimuovere le notizie de L’ultima Ribattuta riprese da altri siti.

Lezione di censura n.3 della Rai: caro Dagospia, se non togli subito dall’homepage il pezzo sul CdA di oggi riguardante il “processo” a Fabrizio Piscopo, per i disastrosi dati della raccolta pubblicitaria dell’ex Sipra, entrerai anche tu nella “lista dei nemici” del dg Luigi Gubitosi.

Detto, fatto. Poco dopo le 13 di oggi, il sito di Roberto D’Agostino aveva ripreso e pubblicato integralmente il mio servizio di ieri pomeriggio (clicca qui)  con il quale fornivo il quadro particolareggiato della tragica situazione di Rai Pubblicità. Meno di due ore dopo, del pezzo -con tanto di fotine mie e di Piscopo- non c’era più traccia. Sparito, cancellato, senza un rigo di spiegazione per tutti coloro che lo avevano già letto e segnalato agli “addetti ai lavori”.

Scusa, Dago, puoi dirci chi ti ha chiamato dalla Rai facendoti fare questo ‘lavoro sporco’? Non ti avevo chiesto io di riprendere il servizio, l’avevate fatto voi di vostra iniziativa. E allora, cosa ha provocato l’improvviso “pentimento”? Se domandare è lecito e rispondere è cortesia, attendo una tua replica.

Così come mi piacerebbe che la Rai non si nascondesse dietro queste squallide operazioni di censura, ma facesse conoscere all’inclita e al volgo se quanto scritto da L’ultima Ribattuta corrisponde o no alla realtà di una concessionaria spinta sull’orlo del baratro. Sono vere o non sono vere, le cifre che abbiamo riportato? Non è che per caso le avete fatte censurare da Dagospia per evitare che potessero leggerle i consiglieri, il rappresentante del Ministero dell’Economia ed il magistrato-osservatore della Corte dei Conti prima dell’inizio del “processo” all’ad di Rai Pubblicità?

Articoli correlati

Un Commento

Rispondi a Gaspare Barresi Annulla risposta

*

Top