Un grande Napoli stende una Roma irriconoscibile

roma

Nel primo anticipo della decima giornata di Serie A, la Roma esce sconfitta dal San Paolo di Napoli, in una partita molto delicata anche dal punto vista ambientale dopo l’omicidio di Ciro Esposito.

Il match non ha mai avuto storia. Un secco due a zero che non lascia spazio ad alibi ai giallorossi di Garcia. Un goal per tempo, prima Higuain dopo appena tre minuti di gioco, poi Callejon, che chiude la gara allo scadere.
La rete lampo dello striker argentino, condanna da subito i capitolini ad una gara in salita che non riescono mai a prendere in mano la partita.
La partenza sprint dei partenopei annichilisce la Roma per tutto il primo tempo. Gli azzurri legittimano il vantaggio e chiudono la prima frazione di gioco con un punteggio anche stretto per le occasioni avute.
Nei primi minuti della ripresa, Totti e compagni provano a reagire, ma il forcing giallorosso dura appena 20’, fino a quando Garcia decide (discutibilmente) di togliere il capitano giallorosso e Alessandro Florenzi, il più pericoloso dei suoi. La Roma non torna mai nella metà campo napoletana, consegnandosi così ad un finale già scritto, dove i padroni di casa trovano meritatamente la rete del k.o. definitivo.
L’impressione è che se questo match fosse durato 180’ anziché 90’ minuti, la sostanza non sarebbe cambiata. La Roma non è mai scesa in campo, a differenza di un Napoli che si è battuto con il coltello tra i denti fin dal primo minuto di gioco. Anche per Ciro Esposito.
I giocatori di Benitez, che fino ad oggi non avevano convinto in pieno, hanno trovato la loro giornata di grazia.
Probabilmente la Roma è davanti al primo e proprio vero momento “no” dall’arrivo di Garcia nella capitale.
Il tecnico francese dovrà adesso esser bravo a tenere il gruppo coeso. Gli incidenti di percorso fanno parte del gioco e la Roma ha tutte le carte in regola per giocarsi lo scudetto di domenica in domenica contro una Juventus si fortissima, ma probabilmente inferiore alla macchina da guerra di Conte degli anni passati.

Articoli correlati

2 Commenti

*

Top