Occupano casa in assenza del proprietario: rom rilasciati

rom

Dopo il caso del camper, prima rubato a Porto Recanati, poi ritrovato ma lasciato agli zingari per quattro mesi e la “protezione del sindaco Marino a Roma, prosegue anche il buonismo dei giudici nei confronti dei rom nel resto dell’Italia.

Nel padovano, a Campo San Martino, quattro extracomunitari hanno deciso di impossessarsi di una bellissima casa, arredata, lussuosa, milionaria. La proprietaria, una giovane ragazza, era all’estero per studiare e l’immobile è ancora in vendita. Quale miglior momento, dunque, per andarci a vivere abusivamente? Perché non approfittarne? Detto, fatto. I romeni hanno portato lì le loro cose, ci hanno dormito e cucinato come fosse casa loro. Quando sono stati beccati dalla polizia, avvertita dal custode che vedeva accendersi e spegnersi la luce anche se i proprietari non c’erano, erano tranquillamente in salotto a sorseggiare una birra e a fumare sigarette.

Ma nemmeno aver beccato gli zingari in flagrante è bastato per farli rimanere in carcere. Dopo 24 ore di fermo, infatti, il giudice li ha voluti rilasciare.Presunto disagio sociale”, la discutibilissima motivazione. “Sono bisognosi”. Una clemenza, quella del magistrato, che ai proprietari di casa è sembrata folle. “Siamo sconfortati –le parole della famiglia Mazzonetto- in questo  modo si incentiva l’illegalità. Per giorni casa nostra è stata da sconosciuti. Come viene tutelato il diritto di proprietà privata? Poi mi domandano perché mando i miei figli all’estero”

Oltre al danno, poi, anche la beffa visto che la casa nemmeno è stata pulita. “Lo abbiamo dovuto fare a nostre spese. Non solo, la polizia ci ha anche consigliato di sistemare in un sacchetto le loro cose e lasciarle fuori. Per evitare che potessero rivendicarle. Una cosa allucinante”.

Quale sarà la prossima storia di tutela dei rom a scapito dei cittadini italiani? Intanto sono 15 mila, solo tra Roma e Milano, le occupazioni abusive prese in “assalto” dagli extracomunitari.

Articoli correlati

*

Top