Ilaria Cucchi inviata Rai per “Questioni di share”

cucchi, rai
cucchi, rai

Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, questa sera debutterà come inviata per la Rai. Ma è per la sua bravura innata o per una “questione di famiglia?”

Ilaria Cucchi inviata televisiva per “Questioni di famiglia”. Una circostanza che dà adito a due possibili letture: una è quella letterale, ovvero che la Cucchi debutterà stasera come inviata del nuovo programma di Rai3, “Questioni di famiglia”, condotto dalla giornalista Marida Lombardo Pijola. L’altra è che sia stata scelta proprio in virtù delle “questioni di famiglia” per cui è nota, ovvero la morte del fratello Stefano dopo l’arresto e la seguente vicenda giudiziaria.

Produttori e dirigenti, sin dal primo giorno, si sono sgolati nel ribadire che la scelta di inserire la signora (che nella vita fa l’amministratrice di condominio) come inviata del programma non fosse finalizzata ad alzare un audience fiacco (che prende ossigeno solo grazie a Chi l’ha visto? o a Report). «Ci offende solo ipotizzarlo, è vergognoso» ha detto Andrea Vianello.

Sta di fatto che la scelta della Cucchi ai più sembra solo una strumentalizzazione della sua popolarità mediatica, una strategia per far parlare del programma. Una strategia che però, a quanto pare, funziona: di sicuro la puntata di stasera verrà seguita da molti, più che altro per curiosità.

“Questioni di famiglia”, a parte la Cucchi, prevede altri inviati: la conduttrice televisiva Angela Rafanelli, il rapper Amin Issaa e l’attore Alessandro Sampaoli. La sola debuttante è Ilaria. Da qui, una “piccola” considerazione: ma con quasi duemila giornalisti al libro paga, perché la Rai ha deciso di utilizzare consulenti esterni (o “narratori speciali” come preferisce definirli Vianello) ignorando l’esercito di precari che lavorano in viale Mazzini?

Ilaria Cucchi, dal canto suo, è consapevole di non essere competente: «non sono una giornalista, faccio l’amministratrice di condominio e la mamma» ma dice di aver voluto accettare l’offerta di Rai3 alla faccia di chi la vorrebbe «sempre triste, magra come mio fratello, ma credo che mio fratello mi volesse viva». Sicuramente il passaggio da amministratrice di condomini a inviata televisiva le darà qualche emozione in più. Ma visto che quello dell’inviata Rai non è il suo mestiere e non ha nemmeno avuto il tempo di fare un po’ di gavetta, non ci resta che sperare che sia all’altezza del ruolo. Visto che è stata assunta a spese degli abbonati.

Articoli correlati

*

Top