Sara Tommasi su Twitter non ci capisce un “acca”

sara tommasi acca

Continua la guerra combattuta da Sara Tommasi contro i laziali. Eppure, la soubrette, diventata idolo del popolo giallorosso, la vera battaglia la sta perdendo contro la grammatica, in particolare contro l’utilizzo delle “h” del verbo avere.

“Il capitano a scaldato Mosca” ha twittato Sara Tommasi ieri sera subito dopo il missile che Francesco Totti ha piazzato alle spalle del portiere russo. Un gol unico, tanto potente quanto importante, dal momento che poteva spianare l’accesso agli ottavi di Champions’ League ai romanisti: purtroppo, col pareggio all’ultimo secondo, potrebbe non bastare più ora un semplice pareggio in casa con il Manchester City.

Forse la gioia, o forse la fretta nel cinguettare sul social network la propria esultanza per lo storico gesto atletico di Totti, ma la pornostar ha lasciato per strada quell’acca che ogni maestra delle elementari sottolineerebbe con la matita blu, quella utilizzata per gli errori più gravi. “Are, ere, ire, l’acca va sempre a dormire” insegnano alle scuole elementari, ma non è certo questo il caso in cui deve essere troncata la lettera muta.

Non è la prima volta per Sara Tommasi. Già qualche settimana fa, proprio per insultare la nostra testata, la showgirl decaduta si è lasciata andare ad un tweet poco edificante: “’l’ultima ribattuta’ a picchiato duro contro i miei tweet di questi giorni. ma il vostro nome è auspicio di imminente chiusura o cosa??”. Poi la soubrette ha pensato bene di sbeffeggiare i laziali per la loro mancata romanità: proprio lei che viene dalla romanissima Narni, città della romanissima regione Umbria.

In realtà il nostro nome testimonia la volontà di dare le notizie aggiornate, in tempo reale, almeno ci proviamo e questo è il nostro obiettivo.

Eppure Sara Tommasi ha una laurea, anzi, una “signora” laurea: quella in Economia ottenuta all’Università Bocconi di Milano. Evidentemente i conti e i calcoli di Sara Tommasi fanno a cazzotti con la grammatica italiana e a rimetterci sono quelle povere “h”, che misteriosamente scompaiono.

Il capitano, secondo la Tommasi avrà anche scaldato Mosca, ma con il suo tweet ha contribuito ad acca-lorare gli animi delle sue maestre delle elementari.

 

Articoli correlati

Un Commento

*

Top