Quell’amicizia in carcere con Paolo Signorelli

“Ciao Califfo,                                                                                                                                                                                                                                                    Tu non potrai ricordarti di me perché quando c’era Paolo io ‘scomparivo”.

A scrivere al Maestro, un anno fa, nel giorno della sua morte, è Claudia Signorelli, la moglie di Paolo, il “professore”. Una persona perseguitata in modo vergognoso dalla giustizia italiana.  Il “cattivo maestro” solo perché fascista e non allineato al sistema. Accuse folli quelle rivolte a Signorelli: omicidio, strage, azione sovversiva e banda armata. Sempre assolto non prima, però, di aver passato otto anni in galera e due agli arresti domiciliari. “Il Maestro” ed il “Professore”, forse per un segno del destino, si sono conosciuti in carcere, a Regina Coeli. Da lì è nata una bella amicizia.

“Ho sempre pensato che ‘ubi major minor cessat. Tu hai conosciuto mio marito nelle patrie galere. Tu e lui, sempre assolti e mai risarciti. Ma non è assolutamente questo che voglio sottolineare. Voglio solo ricordare una splendida serata trascorsa con te e con i parenti, tuoi e nostri… E poi le tue canzoni, in una serata indimenticabile, che tu suonasti per tutti noi e che ora rivivo con la stessa intensità di quella sera.

In alto i cuori, sono sempre i migliori ad andarsene ed il peggio non finisce mai. Io continuerò a canticchiare le tue splendide opere, insieme a quelle di De Andrè e Battisti. Pensando a Paolo, che le strimpellava sempre nella sua chitarra. ‘Il Sole vince sempre’,  Maestro.

Ciao Califfo, ora potrai, forse, cantare con Paolo e tanti altri”.

Claudia Signorelli

Articoli correlati

*

Top