“Knockout”, il nuovo gioco criminale dei teppisti vigliacchi

Allarme rosso a Trastevere (ma la “moda” sta dilagando in altri quartieri romani e in tutta Italia).

C’è un nuovo “gioco” molto in voga tra i teppisti nullafacenti: si arriva silenziosamente alle spalle di qualcuno, meglio se donne, e gli si sferra un terribile gancio alla mascella o alla tempia. Se la vittima resta in piedi, non sei nessuno. Soltanto se il poveretto o la poveretta crollano a terra hai “vinto” la scommessa con gli amici. Se poi, il o la colpita, restano stesi al suolo privi di sensi il successo è completo.

Sono già decine le vittime di questo gioco demenziale, che ovviamente sta spopolando senza che vigili urbani o forze dell’ordine riescano ad intervenire.

Naturalmente, non ci siamo inventati niente. Questo gioco criminale è stato inventato negli Stati Uniti e documentato solo grazie alle solite telecamere di sicurezza anti-rapina (clicca sul link).

Quindi, massima attenzione. Avvisate mamme e zie attempate, o fidanzate un po’ distratte: domani potrebbe toccare a loro. Perché questi teppisti-vigliacchi, che si divertono con il “knockout”, quasi mai colpiscono uomini giovani in grado di resistere al cazzotto fulminante ed a reagire restituendo con gli interessi.

Articoli correlati

0 Commenti

  1. Pingback: Torna il Knockout: i giornali scoprono l'acqua calda

  2. Marco said:

    ……Però mi devi lasciare senza sensi a terra! se non fosse così vostra madre non vi rivedrebbe solo in foto…..!!!

  3. Pingback: Il "Knockout" colpisce ancora: un'altra vittima...

  4. Pingback: Mondiali, il giallo di Rai Pubblicità con la Lei messa alla porta - L'ultima Ribattuta | Bloggier

  5. MICHELE said:

    “…da uno studio condotto negli Stati Uniti è emerso che quasi due programmi televisivi su tre contengono in media sei scene di violenza all’ora. Raggiunta la maggiore età, un giovane avrà assistito a migliaia di atti di violenza e di omicidi…Programmi che hanno come argomento sesso e violenza sono molto richiesti in tutto il mondo. I film d’azione americani, che poi finiscono sul piccolo schermo, sono facili da esportare. Non hanno necessariamente bisogno di buoni attori né di una sceneggiatura interessante, e arrivano al pubblico con una certa immediatezza. Per catturare l’attenzione dello spettatore puntano su combattimenti, uccisioni, effetti speciali e sesso. Per tenere vivo l’interesse nel corso del tempo, però, bisogna cambiare. Ben presto il pubblico si stanca di vedere le stesse cose e ciò che è sensazionale diventa normale. Ecco perché i produttori nella descrizione di ciò che è scioccante ed eccitante si spingono sempre più oltre, moltiplicando le scene di violenza e rendendo il contenuto più crudo, più sensuale, più sadico.” (http://wol.jw.org/it/wol/d/r6/lp-i/102006362?q=violenza&p=par)

    Faccio solo un’analisi oggettiva: chi pensate che ha insegnato a questi insensati a spingersi fino a tanto per puro divertimento alternativo? Non a caso uno dei videogames più riusciti al mondo è GTA nelle sue svariate edizioni.

    • Gianni said:

      Io proporrei un nuovo gioco: chi riesce a prendere a calci uno di questi vince. Più punti di sutura ci vorranno e più punti si guadagnano.

  6. Gian said:

    Trovo giusto sapere che queste cose accadono e permettere alle persone più a rischio di cautelarsi almeno minimamente. Questa “moda” assurda come tante cose oscene viene dagli USA e ci sono decine di video su Youtube che la stigmatizzano. Sappia questa gente che esistono solo poche parole per definirli. Vigliacchi è una di queste.

    • joshua said:

      la questione si sta’ facendo molto seria e noi con delle parole dette a sproposito non aiutiamo di sicuro, speriamo solamente che divulgando la cosa senza liti fra di noi, si riesca ad arginare la cosa.

  7. Marco said:

    Lo stupore non sta nel vedere persone che fanno certe fesserie ma nel vederle divulgare da giornalisti poveri di spirito e di cervello,permettendo così al primo idiota di sentirsi importante nell’emulazione,chissà magari un delinquentello potrebbe farlo anche a voi un giorno o perchè non a vostra madre!?!

    • Paolo SignorelliPaolo Signorelli said:

      Noi da giornalisti “poveri di spirito”, oltre al dover di cronaca, cerchiamo di sollevare un problema sperando che possa servire come monito per intervenire. Ne stanno parlando in molti e nessuno sta facendo niente. Speriamo che si inizino ad aprire gli occhi soprattutto per isolare questi dementi.

      • frollo said:

        Il dovere di cronaca è relativo.
        Scrivi quel che ti pare solo se fa comodo a chi ti edita e ti paga anche trasversalmente per speculazione politica.
        In questo caso si vuole fare del “terrorismo” in modo che una certa area “destrista” possa trovare qualche pretesto per legittimare videosorveglianza come controllo di massa, poi utilizzato per altri scopi e aumentare l’elettorato di scambio “diversamente_disoccupati_obesi_che_non_c’ho
        _volglia_di_fare_un_cazzo_sennò_non_facevo_il_poliziotto” da assumere con concorsi truccati, dove sono già il doppio degli uomini rispetto alla germania che ha circa 20 milioni in più di popolazione…
        oppure fare speculazione edilizia sugli immobili che immersi in una zona dove c’è violenza perdono valore per essere comprati e rivenduti in un secondo momento… sloggiato il campo rom o la gang già arcinota alle FO che lasciano incancrenire la situazione creando emergenza per avere maggiori soldi e considerazione una volta che la popolazione è esasperata e comincia lei stessa a sparare e a farsi giustizia da sola sia dei malviventi che dei “diversamente disoccupati”. I terù i gha mia oia de laurà.
        Gli scugnizzi ci sono da parecchio tempo, il fenomeno non è mai stato risolto volontariamente, come mafia ed altro crimine organizzato… senza osservare questa propagandata nuova moda, senza parlare degli zingari che fanno del taccheggio una professione… legittimati dallo stato che sennò farebbe il suo dovere e basta, ma metà delle divise sarebbe licenziata.

    • Giovanni said:

      Lo stupore è per me, sentire sragionamenti come il tuo. Tu, c’hai un automatismo mentale – che non supponi minimamente di avere – che ti fa credere che tutte le persone alla base agiscano solo per “emulazione” – che per te difatti è generatrice di “importanza”, lo dici proprio. Fortunatamente non tutti i cervelli funzionano così, come evidentemente il tuo, tanto da considerare “fesseria di un idiota”, quello che in verità è un atto di massima violenza disumana (come ben argomenta il giornalista, ma immagino che tu non abbia bisogno di comprendere chicchessia, figurati un che parla strano). Andrei da uno bravo, fossi in te…

      • Lorenzo said:

        E io fossi in te non mi permetterei di giudicare un uomo da 3 righe scritte su internet.
        Tu devi invece avere un automatismo che ti fa credere di essere Dio ed essere qui per giudicare e mandare gli altri da specialisti.
        Fattelo dire da chi studia esattamente questo nella vita:
        Il tuo tentativo di apparire convincente, colto, superiore agli altri..ti rende decisamente inferiore e ridicolo.

        Torna in terza elementare, Giovanni.

        Ognuno esprime il suo pensiero, e anzi penso che la problematica sollevata da Marco sia reale.
        Spesso, fin troppo, giornali telegiornali, cronache e ogni tipo di informazione mediatica viene sfruttata male, si parla di idiozie, si allarma la gente, si fanno grandi telegossip per distrarre il cittadino medio/basso (culturalmente e a livello di QI) da quel che veramente accade di serio nel mondo.
        In italia, come in america, la censura mass-mediatica è alle stelle.
        Il Signor Signorelli dice bene sul dovere di cronaca, ma rendere un atto demenziale e violento il nuovo “scoop del momento” invece non è compito della cronaca.
        Come non è compito di “Giovanni er mejo figo der bigonzo” di puntare il dito.
        Tra l’altro, MASSIMA VIOLENZA DISUMANA è veramente esilarante.
        Giovà, fattelo dire..tu la massima violenza disumana, ma capisco sia il tuo cervello, ora, ad essere molto limitato; non hai proprio idea di cosa sia.
        Se vuoi fare il colto aristocratico di sta seppia, perlomeno usale bene le parole.

        Arrileggerci.

        • Cristian said:

          Gentile Sig. Lorenzo, se lei studia il comportamento umano probabilmente è uno psi.. e se lo è e si rivolge in questo modo così arrogante evidentemente deve ricominciare a studiare la teoria e soprattutto domandarsi se invece dello psi debba fare il paziente. Questa innanzi tutto non è un’idiozia, è morta della gente in America, vorrei vedere se le mandano “solo” all’Ospedale sua moglie se la riterrà un’idiozia.. Secondo, è necessario conoscere certi fenomeni per arginarli, perché se a me uno mi dà un pugno per strada senza motivo io rimango impietrito, ma se conosco il fenomeno magari riesco a difendermi e ad aiutare il prossimo se serve… ma soprattutto, perché deve offendere gratuitamente???

      • Gianluca said:

        E invece io sono fondamentalmente d’accordo con Marco.
        Divulgare certe notizie , al di là del dovere di cronaca, scatena sempre una reazione emulativa.
        E quello che è il servizio giornalistico diventa la causa del fenomeno in un circolo diabolico che si autoalimenta.

*

Top