Addio portafoglio. Il nuovo bancomat sarà il cellulare

Per una volta gli americani sono indietro e non sono i pionieri di una rivoluzione tecnologia. Quella dell’era post-moneta, quella, più specificatamente, del portafoglio elettronico. Proprio così, perchè il Giappone e la Corea del Sud hanno già lanciato la nuova sfida al mondo intero: l’uso degli smartphone come carta di credito. Pagare qualsiasi tipo di servizio usando il telefonino. Come? Attraverso un conto virtuale o, più “semplicemente” con l’identificazione delle proprie impronte digitali, delle pupille e del riconoscimento facciale. Quando? Molto presto.Incredibile, ma vero.

Alcuni esperimenti sono in atto anche in Svezia, a Londra ed anche in Kenya. Gli americani però, li conosciamo e difficilmente accetteranno di arrivare secondi. Per questo, negli States, è partita la corsa per colmare il gap con gli altri Paesi, partendo all’assalto per recuperare il tempo perduto. E la guerra delle monete digitali avrà come protagonisti i soliti “volti” noti: Google, Facebook, Apple ed Amazon. Una battaglia senza esclusioni di colpi dove ognuno cercherà di avere la meglio sull’altro, assicurandosi il mercato dei “portafogli digitali”. Anche se, il mercato degli acquisti on-line rappresentano ancora soltanto il 10% di quello totale.

Il mondo sta cambiando. Internet ha già prepotentemente cancellato l’uso delle cassette e dei cd, quello delle enciclopedie (sostituite dalle ricerche online) e delle cartine stradali. Per non parlare delle lettere e delle cartoline, ormai praticamente scomparse. E tra qualche anno cambierà anche il modo di andare a fare la spesa. Non si pagherà più in contanti. Ma con una moneta tutta “virtuale”. Ogni articolo comprato verrà “magicamente” addebitato sul proprio smartphone.

Articoli correlati

*

Top