Roma ko e Champions addio

roma

Niente da fare, purtroppo. La Roma perde in casa col Manchester City (0-2) e deve dire addio definitivamente alla Champions League ed ai sogni di gloria.

Una partita iniziata col piglio giusto, ma finita malissimo. La squadra inglese, alla fine, si è dimostrata superiore e più solida in tutti i reparti. Eppure la Roma aveva in mano la qualificazione, sarebbe infatti bastato anche lo 0 a 0 per approdare agli ottavi di finale. Così non è stato. Rimane però il rammarico per quel gol subito nel recupero contro il Cska di Mosca e la conferma che il calcio italiano sia diventato ormai di un livello molto basso.
Questa volta, però, le colpe sono anche e soprattutto dell’allenatore Garcia che forse avrebbe potuto schierare dal primo minuto Destro e, per una volta, far fuori Totti, braccato dal centrocampo e dalla retroguardia del City. Impalpabile anche Maicon. Adesso il tecnico francese verrà verosimilmente linciato dalla stampa capitolina.
Dall’altra parte il Manchester City: la squadra campione d’Inghilterra ha disputato una partita praticamente perfetta. Ha lasciato l’iniziativa ai giallorossi nella prima parte di gara e ha affondato il colpo decisivo al momento giusto. Prima con la prodezza di Nasri, poi con Zabaleta. L’allenatore Pellegrini ha azzeccato tutte le mosse, riuscendo a vincere anche senza Aguero e Toure.
Per la Roma adesso la magra consolazione dell’Europa League, che a questo punto diventa un obiettivo importante per questa annata. Un vero peccato perché se è vero che il girone di Champions all’inizio sembrava proibitivo, è anche vero che la compagine romana aveva quasi raggiunto la qualificazione.
Adesso massima concentrazione sul campionato, altrimenti si rischia un’altra stagione senza successo.
E la Roma deve rialzare la testa assolutamente.

Articoli correlati

*

Top