“Le promesse da marinaio” di Del Piero sui marò

del piero

Dopo l’ennesima figuraccia rimediata dal nostro Paese, che ha incassato il “no” da parte della Corte Suprema indiana alla richiesta dei due marò di poter passare tutto il periodo delle feste natalizie in Italia, si riaccendono anche le polemiche su Alessandro Del Piero

L’ex capitano della Juventus, infatti, quest’anno ha accettato la proposta proprio del Delhi Dynamos (la capitale dell’India), squadra che milita nel campionato indiano. Per questa decisione presa quest’estate, “Pinturicchio” venne duramente contestato sia dai media italiani, sia da alcuni membri della politica, in primis dalla Meloni che lo aveva esortato a ripensarci. “Rivolgo questo appello ad Alessandro, affinché rifiuti l’offerta di giocare in India, almeno fino a quando i nostri Marò non torneranno in Italia”, le parole della deputata sul suo Facebook. Ma Del Piero rassicurò tutti sul suo ruolo, che sarebbe stato, oltre che da calciatore, anche da ambasciatore per sostenere la causa di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. “Non vado a giocare in un paese ostile e poi solleverà anche la questione dei nostri marò. Parlerò di loro ai politici”, aveva promesso “Alex”.

Ma i suoi buoni propositi non sono stati mantenuti. Certo, non spetta a lui dover rimediare ad una situazione divenuta ormai imbarazzante e che ha fatto emergere tutta la debolezza dell’Italia in campo internazionale. Però, una stella come Del Piero, pagato con uno stipendio d’oro dal Delhi Dynamos, avrebbe potuto esprimersi e dire la sua. Il nostro paese sperava di aver trovato in lui “un buon ambasciatore che sicuramente ci darà una mano”. Nulla da fare.

E allora, vista ormai la rottura definitiva con l’India e il richiamo in patria dell’ambasciatore Daniele Mancini, che prelude ad un periodo di forte tensione diplomatica, potrebbe essere cosa buona giusta che, nelle vesti di cittadino italiano, Alessandro Del Piero decidesse di rescindere il proprio contratto. Tanto, sicuramente, un’altra squadra pronta a farle la corte la troverebbe sicuro. Ma non in un paese “ostile”.

Articoli correlati

*

Top