Mafia Capitale: Gaudenzi agli arresti domiciliari. Crolla l’accusa di associazione di stampo mafioso

mafia capitale

Su Mafia Capitale è stato detto e scritto di tutto. Un’inchiesta seria, grave e pesante, sia chiaro, anche sconvolgente. Dalla quale è emerso uno dei più grandi scandali degli ultimi vent’anni. Ma che qualcuno, soprattutto se più nero che rosso, fosse stato tirato in mezzo ingiustamente è stato il pensiero di molti sin da subito.

E che per altri il reato associativo di stampo mafioso fosse esagerato si sta verificando proprio in questi giorni. Ieri, infatti, per uno degli imputati nella maxi inchiesta è arrivata una bella notizia. Il Tribunale del Riesame di Roma ha sciolto la sua riserva sulla posizione di Fabio Gaudenzi annullandogli l’accusa di far parte di un’organizzazione mafiosa e gli sono stati concessi gli arresti domiciliari.
“Un ottimo risultato, un piccolo regalo di Natale per il mio assistito”, ha dichiarato l’avvocato difensore di Gaudenzi, Veronica Paturzo. “Naturalmente c’è grande soddisfazione, vista oltretutto l’estraneità del mio assistito”.
La sensazione è che questo non sia soltanto un caso isolato e che dei 50 arrestati, molti verranno scarcerati o gli verranno concesse misure detentive alternative.
Confermato invece il carcere e l’aggravante del metodo mafioso per altri 6 indagati. Tra questi Franco Panzironi ex ad Ama, e Luca Odevaine, già responsabile della polizia provinciale.

Articoli correlati

*

Top