Arriva il “solito” pareggio della Roma : 1-1 contro l’Empoli

pareggio

Ancora un pareggio. Ancora una volta, i giallorossi regalano puntualmente un tempo, andando nello spogliatoio in svantaggio.

Al gol di Maccarone dagli 11 metri, risponde la prima rete stagionale di Maicon, che però non basta per trovare la vittoria.

Tutto questo ha del surreale se si pensa che per l’ennesima volta, i capitolini – una volta trovato il pari ad inizio ripresa – hanno avuto più di mezz’ora per provare a tornare al successo. Ieri addirittura di fronte al proprio pubblico e contro una squadra si molto bene organizzata, ma pur sempre di un livello decisamente inferiore.

 

Ormai è un dato di fatto, la Roma non c’è più. Tutte le sicurezze di inizio stagione sono sparite. A Trigoria regna il caos, la squadra non sente più l’allenatore tanto “amato” e questi sono i risultati.

Garcia ha perso tante, troppe delle sue sicurezze e, diciamocelo, se l’è anche un po’ tirata da solo con le sue sensazionalistiche dichiarazioni di vittoria del campionato. I giocatori non hanno più la consapevolezza di forza dell’anno passato. Le tante assenze e i continui infortuni non aiutano la causa, ma questo non può e non deve essere una giustificazione.

 

In questa situazione non esattamente “celestiale”, Walter Sabatini si è decisamente mosso sul calciomercato. Dopo la cessione di Mattia Destro al Milan, che ha diviso la piazza, il d.s. capitolino ha piazzato il colpo Seydou Doumbia, striker del C.s.k.a. Mosca, arrivato nella capitale per circa 18 milioni di euro. Nelle ultime ore, è avanzata prepotentemente la candidatura di Victor Ibarbo, che sarebbe ad un passo dalla capitale e, potrebbe sostenere già nella giornata di Lunedì le visite mediche.

Sabatini ha in mano anche Chiriches, si cerca l’intesa proprio in queste ore.

 

Che siano questi i pezzi mancanti del puzzle per far tornare grande la Roma? I tifosi ci sperano, ma diffidano.

Articoli correlati

*

Top