Rita la “Squaletta”, il terrore degli imprenditori

imprenditori

Terrorizzati dalla “Squaletta”. No, non si tratta di un esemplare femmina del pesce che da sempre spaventa  i bagnanti, ma di Rita del Brocco, ispettrice della Asl Roma. La signora era diventata l’incubo più grande degli imprenditori. Per fortuna loro è stata arrestata con l’accusa di estorsione, corruzione e truffa, insieme ad altri suoi uomini di fiducia. “È malata di soldi, insaziabile”, ha raccontato un suo collaboratore.

La donna era talmente assetata dal denaro, da pretendere mazzette a ripetizione, in modo spregiudicato e sfacciato. Molti i costruttori che sono passati tra le sue perfide grinfie. “Se non la paghi ti minacciava di farti un verbale salato”. Erano davvero tanti, dunque, gli impresari sotto scacco della “Squaletta”, alcuni dei quali arrivati al punto di denunciarla o, addirittura, picchiarla. “Mi sono rotto stavolta, le ho già dato troppo”, oppure le parole di un titolare di una ditta edile “Le alzo le mani, me ne frego che è una donna”. Dalle intercettazioni telefoniche, emerge una situazione paradossale, perché pare che dietro di lei ci fossero alcuni suoi stretti collaboratori che la donna mandava avanti per farsi pagare profumatamente.

Ogni tanto, con Rita Del Brocco, si è anche trovato un compromesso che placasse la sua sete di soldi. Come si legge sul “Messaggero”, infatti, un imprenditore, dopo una lunga trattativa con la donna, sarebbe riuscito a trovare un accordo con lei. In che modo? Non pagandola, ma indicandole nuovi costruttori da spremere. “Va bene per me, mandami gli altri cantieri, ma fatemelo sapè prima che li voglio seguì io. Ho molta fame”.

Ma ora la “Squaletta” è stata catturata, per la gioia di tutti gli impresari.

Articoli correlati

*

Top