Sanremo: la Marrone e le “coccole” firmate Galvagni-Corno

Festival-di-Sanremo

Nel gran debutto del Festival di Sanremo poteva mancare una bella “marchetta” della premiata ditta Chiara Galvagni(madre)-Veronica Corno(figlia)? Non poteva assolutamente, alla faccia del “moralizzatore” Luigi Gubitosi e del suo “spiritoso” braccio sinistro (il destro, si sa è Carlo “Ebola” Nardello), Valerio Fiorespino. Volete sapere cosa si sono inventate? Eccovi serviti (ma non mancate di leggere anche gli altri servizi sul tema che compaiono sul nostro sfogliabile).

La denunzia presentata dal sig. Piero Di Lorenzo nei confronti dei sigg.ri Raveggi e Galvagni è stata archiviata con ordinanza GIP Tribunale di Roma in data 23.03.2015 per insostenibilità dell’accusa in giudizio, a seguito di relativa richiesta 16.07.2014 della Procura”

Emma Marrone, la super-valletta scelta da Carlo Conti per fargli da spalla insieme ad Arisa, ha come agenzia la “F&P Group”. E chi è la responsabile degli eventi speciali e delle risorse artistiche tv? Veronica Corno. E chi sarà ad assistere questa “star de noantri” a spese della Rai (con due aiutanti, perché si sa che è una faticaccia) per tutta la durata del Festival? Sempre Veronica Corno.

E chi ha la responsabilità di questo genere di contratti in viale Mazzini? Ma la mammina, naturalmente, madama Chiara Galvagni, quella che aveva fatto credere a tutti che la sua bambina era solo una povera “stagista”, non la vice-direttrice dell’agenzia…

Ma in Rai di cos’altro hanno bisogno per impedire alla Galvagni di provocare ulteriori danni d’immagine con le sue bugie, i suoi sotterfugi per mascherare le marchette di tipo familiare e gli squallidi pignoramenti del quinto dello stipendio? È vero che l’assistenza della Corno e collaboratrici alla Marrone non costerà all’azienda meno di 60/70mila euro? C’è nessuno in CdA o alla Corte dei Conti che ritiene di dover intervenire?

 

 

 

Articoli correlati

*

Top