Lazio-Palermo: arbitra il “romanista” Di Bello

Preoccupazione in casa Lazio. Questa volta, a creare grattacapi agli uomini di Pioli non sono né infortuni, né squalifiche e né uscite fuori luogo del presidente Lotito. Ma l’arbitro Di Bello.

Si, proprio lui, il fischietto che ha condannato l’Empoli all’eliminazione dalla Coppa Italia, fischiando alla Roma un rigore inesistente (nei tempi supplementari) e dirigendo malissimo la gara per tutti i 90 minuti.
A dire il vero, Di Bello ha già incontrato per ben tre volte la compagine biancoceleste in questa stagione e sono arrivate altrettante vittorie (Bassano in coppa, Palermo e Cagliari).

Ma dopo il disastro visto recentemente all’Olimpico, l’arbitro della sezioni di Brindisi si è guadagnato l’appellativo di “fischietto simpatizzante giallorosso”.

Con un soprannome del genere e viste anche le inimicizie che si sta facendo nel calcio Claudio Lotito, bisogna tenere gli occhi aperti. Il pericolo di uno sgambetto può essere dietro l’angolo.
Pioli però non pensa certo a questo e sta caricando al massimo i suoi ragazzi per affrontare la difficile partita di domenica contro il Palermo, una delle squadre più in forma del torneo. Ma prevenire é sempre meglio che curare…

Articoli correlati

*

Top