Usura: Michele Plastino vittima di un insospettabile strozzino

Michele Plastino
Michele Plastino

Era iniziata con un prestito amichevole di un benefattore colombiano, la disavventura del popolare conduttore televisivo Michele Plastino.

Colui il quale si spacciava per un milionario si è poi rivelato un usuraio, ma se non fosse stato per l’inchiesta e i sequestri che hanno colpito lo pseudo uomo d’affari ed i suoi complici, il popolare giornalista romano forse non se ne sarebbe nemmeno accorto.

Plastino ha raccontato l’intera vicenda davanti ai giudici, partendo dalle origini del rapporto economico instaurato con il facoltoso colombiano.
Che si era offerto di sovvenzionare un progetto del conduttore di “Goal di notte” con lo stanziamento di 180mila euro. Un semplice finanziamento, quello effettuato da Salvador Vincente Frieri, trasformatosi all’improvviso in un prestito usuraio che prevedeva un interesse del 20% mensile.

A conti fatti il giornalista avrebbe dovuto restituire quasi 300mila euro, cosa poi fatta con la firma di un assegno in bianco, in attesa di chiarimenti sui conti che non tornavano, considerati i rapporti amichevoli tra i due e le intenzioni di partenza.

Poi la scoperta della vera occupazione a cui Frieri era dedito, quella dell’usuraio. E dalla vasta schiera di professionisti ed imprenditori caduti nella sua rete: dal legale rappresentante di un autosalone, spennato e scavalcato nella gestione dell’attività commerciale, all’avvocato a cui erano stati sottratti diversi appartamenti, dopo una robusta dose di cinghiate ricevute dallo stesso Frieri nel suo studio legale.

Alla fine, contro il colombiano, sono scattate le denunce. Ma non quella di Plastino, che per tutelare la propria immagine aveva preferito chiudere la spiacevole vicenda in modo amichevole. Diversamente dagli altri truffati, che con le loro testimonianze hanno dato il via all’inchiesta che ha visto la Guardia di Finanzia, tanto per capire la mole dei ricavi dell’usuraio, provvedere al sequestro preventivo di 331 milioni di euro tra immobili e conti correnti.

 

Articoli correlati

*

Top