Niente “Amici” per il premier Matteo Renzi: viola la norma sulla par condicio

Già si vociferava che sarebbe andata a finire così. Salta, infatti, la registrazione dell’intervento del premier Matteo Renzi nella trasmissione Amici di Maria De Filippi prevista per stasera su Canale 5. Per il presidente del Consiglio si chiudono le porte degli studi televisivi di Mediaset. Ma tutto è stato deciso di comune accordo, proprio per evitare la valanga di polemiche sul rispetto o meno delle norme sulla par condicio che si sarebbero scatenate. Rinviata a più avanti l’ospitata nel talent show.

Una situazione dall’esito prevedibile, se non già scritto. Infatti, nonostante Renzi non sia candidato alle Europee del 25 maggio, è comunque un leader politico e segretario del Pd. La domanda nasce spontanea: possibile che a nessuno del suo “formidabile” staff sia venuto in mente di bussare sulla spalla del giovani premier e chiedere: “Presidente, ma con la par condicio come la mettiamo?”. Va bene essere smart, tecnologici, #risponderesutwitter, ma snobbare l’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni, forse è troppo.

La presenza nel carosello televisivo di Matteo Renzi, in carica al suo ruolo istituzionale di premier, è già molto forte, quello che molti dimenticano (o fanno finta di non ricordare), è la veste politica di Renzi. È anche il segretario di un partito che alle Europee del 25 maggio è candidato. Eccome.  E quale migliore occasione per un po’ di “campagna elettorale” nella prima serata di Canale 5?

Articoli correlati

*

Top