Si vergogna dell’ex marito onorevole e chiede i danni

Il parlamentare di Scelta Civica Mariano Rabino

L’Onorevole Mariano Rabino (Scelta Civica) nel 2013, in un imbarazzante fuorionda, disse che amava Roma più “per la gnocca” che per i privilegi parlamentari. A distanza di quasi due anni, l’uomo torna agli “onori” della cronaca per un audio rubato in cui si sente mentre offre agli ex M5S di entrare in Scelta Civica usufruendo dei 50mila euro previsti dalle normative parlamentari.

Tutto legale, ma la signora grida allo scandalo e, già che c’è, chiede un risarcimento danni per l’onta subìta.

Almeno una volta i panni sporchi si lavavano in casa propria. Oggi (Veronica Lario docet) ci si affida ai giornali.

Così la signora Isabella Audisio ha deciso di scrivere un’accorata lettera con preghiera di pubblicazione in cui lamenta la derisione di cui è vittima dopo che l’ormai ex marito si è nuovamente reso protagonista di uno scandalo.

Il primo, nel 2013, con un imbarazzante fuorionda:

Il secondo, qualche settimana fa, quando Beppe Grillo sul suo blog ha pubblicato un audio «pirata» tra l’ex Movimento Cinque Stelle Mara Mucci, ora Alternativa Libera, e Mariano Rabino, deputato di Scelta Civica, ed ex marito della signora Audisio.

Nella registrazione si sente Rabino offrire la possibilità agli ex M5S di entrare in Scelta Civica e avere in questo modo a disposizione (come previsto dalle normative parlamentari) 50mila euro al mese per le necessità organizzative del gruppo stesso. Quindi, alla fin fine, nulla di particolarmente scandaloso.

Ma la ex signora Rabino non ha retto. E dopo aver scritto una lettera in cui, povera donna, dice di essere derisa dai colleghi e di provare vergogna per il comportamento di quello che una volta era suo marito, conclude dicendo che l’onta potrà essere lavata solo con un risarcimento danni.

«Io e la mia ex moglie siamo separati di fatto dal 1 ottobre 2012 e di diritto (separazione consensuale) dal 22 maggio 2013» spiega Rabino. «Non siamo ancora divorziati perché tecnicamente dobbiamo aspettare tre anni dalla separazione, e quindi il 22 maggio 2016». E aggiunge:«Se uno mette insieme queste date e le date degli illeciti che ho subìto (il “fuori onda” di Striscia la Notizia e la conversazione rubata in Parlamento, ndr) capisce subito che sono avvenuti a molti mesi di distanza dalla separazione e che quindi è incredibile chiedere danni di immagine di per sé, visto che ho subìto e non compiuto illeciti. Ma lo è ancora di più e soprattutto per vicende occorse a un ex marito, che lo è da molto, molto tempo».

«Quello della mia ex è solo un maldestro tentativo di estorsione fa sapere il deputato.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. mariano rabino said:

    Caro direttore ma come fate a scrivere che la separazione è frutto del fuori onda?
    Legga questo comunicato e rettifichi! grazie!
    “Il 22 ottobre 2013 ho subito un illecito consistente nel carpimento illegale di una mia conversazione privata con un collega in uno studio televisivo, rilanciata su Striscia la Notizia. L’11 febbraio 2015 ho subito un illecito consistente nella registrazione illegale di una mia conversazione privata con una collega tra gli scranni del Parlamento, rilanciata in modo travisato e distorto sul blog di Beppe Grillo. Il 3 marzo 2015, subisco un inopinato attacco mediatico della mia ex moglie la quale, anziché sentirsi collaterale vittima di quegli illeciti, si ritiene danneggiata da me al punto da voler organizzare, pretestuosamente, un maldestro tentativo di estorsione ai miei danni. Pazienza! Domani è un altro giorno.”

    “E’ un maldestro tentativo di estorsione ai miei danni”. L’onorevole Mariano Rabino non ha digerito le esternazioni dell’ex moglie, Isabella Audino, che pochi giorni fa ha inviato una lettera ai giornali per far sapere di aver tutelato la sua onorabilità in giudizio “richiedendo un risarcimento” e precisando “che nulla più ho a che vedere con questa persona e censuro nettamente i suoi comportamenti”.

    Il parlamentare albese ritorna sulla vicenda, per ricostruire nei dettagli date ed eventi. “Io e la mia ex moglie siamo separati di fatto dal 1 ottobre 2012 e di diritto (separazione consensuale) dal 22 maggio 2013” spiega Rabino. “Non siamo ancora divorziati perché tecnicamente dobbiamo aspettare tre anni dalla separazione, e quindi il 22 maggio 2016”. E aggiunge: “Se uno mette insieme queste date e le date degli illeciti che ho subìto (il “fuori onda” di Striscia la Notizia e la conversazione rubata in Parlamento, ndr) capisce subito che sono avvenuti a molti mesi di distanza dalla separazione e che quindi è incredibile chiedere danni di immagine di per sé, visto che ho subìto e non compiuto illeciti. Ma lo è ancora di più e soprattutto per vicende occorse a un ex marito, che lo è da molto, molto tempo”.

    • Giusi BregaL'Ultima Ribattuta said:

      Gentile Onorevole, con tutta la nostra solidarietà, abbiamo rettificato come da sua richiesta.

*

Top