Cpl Concordia, la coop rossa che “scalda” l’Italia

cpl concordia

Non solo Ischia: la Cpl Concordia, cooperativa rossa al centro dell’ultimo scandalo che ha portato all’arresto del sindaco dell’isola, Giosi Ferrandino, la sua ragnatela di affari e appalti se l’è tessuta in tutta Italia.

Dalla metanizzazione dell’isola di Ischia, fino al gas e al riscaldamento per le principali istituzioni romane e laziali, passando per via XX Settembre, sede del ministero dell’Economia: con i numerosi appalti in tutta Italia la Cpl Concordia, tra i pilastri del colosso Legacoop, è riuscita a raggiungere il fatturato di 460 milioni nel 2014.

A ricostruire gli appalti della cooperativa di Modena sono Il Tempo e il Giornale.

Il quotidiano romano riporta il bilancio di sostenibilità del 2013 apparso sul sito della Cpl Concordia, evidenziando come gli appalti nell’area di Roma sono arrivati a 37 milioni, con un’incidenza sul fatturato complessivo dell11%. Contratti verso il Comune di Roma, la provincia di Latina e l’Ater, ovvero l’ente regionale che gestisce l’edilizia residenziale. Nel 2010, poi, gestiva gli impianti di riscaldamento del Policlinico di Tor Vergata e dell’Auditorium della Capitale.

Il Giornale, invece, ricostruisce il forte legame tra la Cpl Concordia e il ministero dell’Economia, vera e propria cassaforte per la cooperativa. Da qui, infatti, arriva la maggior parte della ricchezza della holding che si occupa di metanizzazione. L’affare più recente è del dicembre 2014: due maxilotti di un appalto per la manutenzione degli impianti energetici degli uffici pubblici nel Lazio e in Campania per il valore di 126,5 milioni di euro vengono affidati a un raggruppamento temporaneo di imprese. Una delle due cooperative è la Cpl Concordia, l’altra è Ccc – Consorzio cooperative costruzioni di Bologna, che avevamo incontrato già in altri episodi nei mesi scorsi (leggi qui e qui).

Da notare, poi, che alla guida del ministero tanto attivo con la Cpl Concordia c’è Pier Carlo Padoan, uomo molto legato a Massimo D’Alema – anche lui chiamato in causa nelle tangenti per la metanizzazione dell’isola di Ischia – attraverso la fondazione Italianieuropei.

Articoli correlati

*

Top