McDonald’s e Pepsi si danno una “ripulita” all’immagine

Tempi duri per le più grandi aziende del mondo alle prese con la “cattiva immagine” dovuta alla sempre più diffusa identificazione dei loro prodotti con il cosiddetto “junk food“, il cibo spazzatura.

Così Pepsi e McDonald’s hanno deciso di andare incontro alle esigenze della clientela, sempre più attenta a ciò che mangia, eliminando sostanze come l’aspartame o i coloranti che pur essendo innocue contribuiscono a dare una “cattiva immagine“.

Dal prossimo agosto arriveranno sul mercato sul mercato americano le prime lattine di Pepsi “aspartame free“, nonostante il fatto che gli studi scientifici lo considerino sicuro.

Ma la percezione della clientela è diversa. Come spiega Seth Kaufman, vicepresidente di Pepsi, al New York Times: «L’aspartame è la ragione numero uno per cui i consumatori stanno abbandonando le bibite».

Stesso principio che ha seguito il colosso alimentare Kraft che ha deciso di eliminare dai propri prodotti – in particolare i famosissimi “Macaroni and cheese” –  i coloranti chimici accusati (al momento senza alcun fondamento) di contribuire ad alimentare la sindrome da deficit di attenzione nei bambini.

Iniziativa analoga della Nestlé: addio a coloranti e aromatizzanti artificiali nelle sue barrette di cioccolato, mentre la General Mills ha deciso di bandire gli Ogm dai cereali Cheerios.

Come già detto, è solo una questione di “percezione” alterata da parte dell’opinione pubblica su determinati “ingredienti”. Diversamente dal caso di McDonald’s che ha annunciato che eliminerà gli antibiotici dai propri allevamenti di polli, una pratica che aumenta il fenomeno della resistenza nei batteri.

 

Articoli correlati

Un Commento

  1. Pingback: McDonald's e Pepsi si danno una "ripulita" all'immagine - AllNews24

*

Top