Sanità, Rizzotti (FI): puntare su formazione e diagnosi precoce

Prevenzione e riabilitazione, ma anche una medicina personalizzata e un’assistenza territoriale di primo livello. Questi alcuni dei punti chiave del nuovo modello organizzativo sanitario a cui sta lavorando Forza Italia e che è stato presentato a Roma in occasione del convegno “La Sanità del futuro è prevenzione“.

Obiettivo dell’incontro, tenutosi lo scorso 16 maggio, è raccogliere proposte valide per arrivare a redigere un documento d’indirizzo al programma di Forza Italia.

La crisi economica ha messo in difficoltà i sistemi sanitari in tutta Europa e il futuro della sostenibilità del nostro Ssn passa dalla prevenzione attiva che possa bilanciare i costi dell’assistenza.

Lo ha spiegato nel corso dell’evento la vicepresidente della commissione Sanità di palazzo Madama, Maria Rizzotti:«il problema attuale è quello di rendere sostenibile ma al tempo stesso universale il Servizio Sanitario Nazionale. Per fare questo noi crediamo che uno degli obiettivi da seguire sia quello di investire seriamente sulla prevenzione, puntando dunque sullo screening, sulla formazione e sulla diagnosi precoce».

Gli screening, la prevenzione e la diagnosi precoce diventano così strumenti strategici per migliorare la qualità di vita del paziente che abbassare i costi per il Ssn.

«Il Documento di programmazione economica prevede tagli per circa 5 miliardi, è ora di dire basta alla politica degli annunci e di mettersi intorno ad un tavolo provando a immaginare la sanità del futuro» ha spiegato Rizzotti, sottolineando che il programma sarà messo a punto nei prossimi mesi «ma non prima di aver ascoltato tutti gli operatori».

 

 

 

Articoli correlati

*

Top