Facebook: per la Cassazione gli insulti sono diffamazione aggravata

facebook

Dopo lo stop giuridico per molestie, arriva anche quello per diffamazione. A stabilirlo è la Cassazione: in virtù del fatto che i commenti che compaiono sui social network hanno una diffusione capillare e potenzialmente illimitata, i supremi giudici hanno deciso che le offese espresse in rete siano oltretutto “aggravate”, esattamente come quelle commesse a mezzo stampa.

Il Giudice di pace di Roma si era trovato a dover stabilire se un insulto, postato come commento sulla bacheca facebook della persona offesa, costituisse un atto diffamatorio. Di fronte ad un quesito così complesso aveva preferito dichiarare la propria incompetenza in materia. Dal canto, suo il giudice monocratico di Roma aveva poi stabilito che un insulto scritto su facebook non contenesse l’aggravante della diffusione del contenuto offensivo.

Alla fine, a fare chiarezza sul caso è stata la Cassazione. Stabilendo che i reati di ingiuria e diffamazione possono essere commessi  anche tramite internet. E quando questo si verifica c’è  l’aggravante, poiché il commento scritto su facebook può potenzialmente raggiungere un numero infinito di persone. Quindi, quando l’insulto è inviato tramite la posta privata è semplice ingiuria, quando è pubblicato sui profili social è diffamazione aggravata.

C’era già stato, in passato, un caso che aveva fatto discutere su questo tema. Un maresciallo della guardia di finanza che aveva pubblicato sul proprio profilo facebook la frase “attualmente defenestrato a causa dell’arrivo di collega sommamente raccomandato e leccaculo…”. L’imputato era stato condannato in primo grado dal tribunale militare di Roma a tre mesi di reclusione militare per diffamazione pluriaggravata. Verdetto ribaltato in appello e che poi la stessa Cassazione aveva annullato disponendo un nuovo giudizio. Ora è arrivato un orientamento definitivo. Forse.

Che stiano dunque attenti tutti i “leoni da tastiera” che dispensano insulti a destra e a manca, perché stavolta rischiano di brutto.

Articoli correlati

*

Top