Idi-Crac Divina Provvidenza: Versaldi e Profiti “Silenzio col Papa dei 30 milioni del Bambin Gesù”

In un’intercettazione tra il Cardinal Versaldi e il manager Giuseppe Profiti si parla di trenta milioni di fondi pubblici dell’ospedale Bambino Gesù di Roma usati, all’insaputa del Papa, per l’acquisizione dell’Idi.

La conversazione è stata registrata nell’ambito dell’inchiesta sul crac della Divina Provvidenza di Trani che ha portato all’arresto all’arresto di due suore (che adesso si trovano ai domiciliari) e la richiesta dei domiciliari per il senatore Antonio Azzollini (Ncd).

Il Cardinal Versaldi, ora prefetto dell’Educazione cattolica, nel febbraio del 2014 era il delegato pontificio per la Congregazione dei Figli dell’Immacolata e il Presidente della Prefettura degli Affari Economici del Vaticano. Durante la conversazione comunica a Profiti un incontro con il Papa. Però si raccomanda: «bisogna tacere che questi trenta milioni sono stati dati per l’Idi e dire semplicemente che, come ogni anno, oltre ai cinquanta sono stati dati trenta per il Bambino Gesù senza vincolo di destinazione».

Ecco il testo dell’intercettazione:

Profiti: “Pronto! Ciao don Giuseppe!”.

Versaldi: “Ciao. Senti. Ci riceve stasera alle 19 il Papa”.

Profiti:“Ma chi ci?”.

Versaldi: “Il Papa”.

Profiti: “Aaah! Oh mio Dio!”

Versaldi: “Tu puoi?”

Profiti: “Io certo! E ci mancherebbe!”

Versaldi: “Bene. Ci troviamo…sì”.

Profiti: “Eh! Cosa devo…”.

Versaldi: “Passi…”.

Profiti: “…dire? Fare? Portare?”

Versaldi: “No. Ma poi introduco io come delegato. E poi tu dici le cose che hai detto ieri sera”.

Profiti: “Ah! Cos’è che dovevo saltare? Che me ne sto andando in paranoia?”.

Versaldi: “Ma diceva…no! Mi pareva… mi pare no?”.

Profiti: “Ah!”.

Versaldi: “Ehm… ehm… devi tacere che questi 30 milioni …”.

Profiti: “Sì. Sì. Sì. Sull’intervento, sì”.

Versaldi: “Sono stati dati per l’Idi. E dire semplicemente che, come ogni anno, oltre ai 50 sono stati dati 30 per il Bambino Gesù, senza… ah… ah… una…”

Profiti: “Vincolo di destinazione”.

Versaldi:“…una…una…una destinazione,no?”.

Profiti: “Ho capito. Ho capito”.

Versaldi:“Eh…eh …”.

Profiti: “Sì. Se no bisognerebbe spie…ah! Ecco! Tu dici che è meglio così”.

Versaldi: “A meno che Lui sappia, sappia diversamente”.

Profiti: […incomprensibile…]

Versaldi: “Possiamo dire così. Poi vediamo”.

Profiti: “Sì. Sì. Lo possiamo dire”.

Versaldi: “Poi puoi dire che poi è intervenuto il Presidente, sapendo che avevamo queste…ma solo se Lui chiede, no?”.

Profiti: “Sì, sì, sì. Se chiede..”.

Versaldi: […incomprensibile… ]

Profiti: “Beh! In fondo è stato un caldeggiamento, di quello di salvare l’I.d.i, insomma”.

Versaldi: “Eh!”.

Profiti: “Posso saltare i dettagli tecnici ecco! Del colloquio col Presidente”.

Versaldi: “Ecco! Sì! Va bene. Puoi dire che tu…il Presidente per salvare…”.

Profiti: “Se te lo chiede però”.

Versaldi: “Sì”.

Per la procura di Trani queste informazioni servono per meglio comprendere il modus operandi utilizzato nel caso dell’Idi che troverebbe analogie per quanto già accertato nella bancarotta delle case di cura della Divina Provvidenza (dove ritroviamo Profiti nel presunto ruolo di trait d’union).

Nell’inchiesta della procura pugliese, il cardinale Versaldi non sarebbe indagato.

Nessuna dichiarazione ufficiale al momento dalla Santa Sede, mentre il nuovo presidente del Bambino Gesù di Roma, Mariella Enoc, ha smentito categoricamente che propri fondi di bilancio, meno che mai fondi pubblici, siano stati destinati all’acquisizione dell’Istituto dermopatico dell’Immacolata.«Neanche un euro dell’Ospedale risulta distratto dalle attività cliniche, di ricerca o organizzative che riguardano l’Ospedale e i suoi pazienti».

 

 

 

Articoli correlati

*

Top