Expo: siamo al flop di visitatori?

E’ polemica sul numero di ingressi all’Expo. A sollevarla è stato Basilio Rizzo (presidente del consiglio comunale di Milano) che non crede alle stime fatte  dal commissario dell’evento Giuseppe Sala.

Il Fatto Quotidiano aveva già messo in evidenza il divario che c’è stato tra previsioni e realtà: secondo quanto risulta, nei primi due mesi ci sono stati 6 milioni di ingressi, il 30% in meno rispetto alle stime sperate prima dell’apertura.  Ma adesso la questione è proprio sul numero di visitatori dichiarati, che sarebbero troppi rispetto ai dai dei trasporti.

Rendersene conto è molto semplice: Sala sostiene che ogni giorno entrano in media 100.000 persone all’Expo. Peccato che Atm (l’azienda dei trasporti di Milano) accompagni 30.000 visitatori il sabato e 25.000 gli altri giorni. E tutti gli altri? In macchina? Non proprio, i parcheggi sono semi vuoti. Così semi vuoti che c’è il rischio che i vertici Expo debbano pagare una penale di 3 milioni di euro alla società che li gestisce.

Pullman e treni? Anche questi con pochi passeggeri. Così pochi che Trenord ha rafforzato inutilmente il servizio. I conti dunque non tornano e Rizzo incalza: “se i parcheggi sono vuoti, se i dati di trasporto pubblico di Atm e Trenord sono sotto le attese, tutta ‘sta gente che ci dicono, da dove arriva?”. E in effetti è una domanda che sorge spontanea. Visto che, anche se si volesse generosamente raddoppiare la stima fatta dalle aziende dei trasporti, resterebbe comunque un gap di ben 2 milioni di ingressi. Che non è proprio poco.

Renzi nel frattempo dice che “Expo sta andando benissimo, ci sono tanti leader ma anche cittadini e turisti”. Mah. Per fare chiarezza bisogna aspettare che il sindaco Pisapia si pronunci sul suo rivale alle prossime elezioni (Sala).  Certo, se saltasse fuori che il commissario dell’Expo ha mentito sulle cifre dei visitatori, non sarebbe certo un punto a favore della campagna elettorale.

Articoli correlati

*

Top