Sampdoria: quanti guai per il presidente Ferrero

ferrero

La Sampdoria fin qui, nonostante la sconfitta di ieri rimediata contro l’Atalanta, sta disputando un buon campionato. L’allenatore Walter Zenga si è ripreso dopo la batosta, rimediata nei preliminari di Europa League con il modesto Vojvodina, che gli stava per costare la panchina. Ma nonostante le gioie del campo, il presidente Ferrero, in questi giorni, non se la sta passando benissimo.

Anzi, è alle prese con i guai finanziari con la Procura di Roma che ha ottenuto il sequestro di conti correnti e di un palazzo ai Parioli di proprietà del patron blucerchiato per un valore totale di 1 milione e 200 mila euro. Ferrero è indagato per omessi versamenti di 200 mila euro riconducibili ala sua “Blu Cinematografica”. L’indagine, iniziata nella primavera di quest’anno, è partita per verificare i rapporti tra l’imprenditore romano e il Fisco.

Ma la grana vera riguarda proprio il suo appartamento ai Parioli. Il patron della Sampdoria, denunciato da tutto il condominio per i lavori di ristrutturazione, è accusato dal pm Santini di “illeggitimità del permesso di costruire” e gli inqulini si sono anche costituiti parte civile. Ferrero avrebbe continuato a smantellare la pavimentazione e far abbattere la sua cabina sauna nonostante avesse ricevuto, nel 2011, il divieto di continuare i lavori. “Il mio assistito non ha commesso alcun abuso edilizio”, le parole del legale del presidente, Vittorio Pisa. “Anzi, ha provveduto alla rimozione della sauna e al conseguente spostamento di un tramezzo interno, non appena saputo del provvedimento nei suoi confronti”.

Insomma, la situazione per Ferrero non è delle migliori. Ecco, forse, spiegato il motivo per il quale le sue interviste-show, in questi giorni, sono sempre meno frequenti…

 

Articoli correlati

*

Top