Consulente ultrà per la vendita del club

ultrà

“Nessuna trattativa con gli ultrà. Il rapporto delle società con i tifosi violenti deve finire”. Queste le parole di Angelino Alfano subito dopo i fattacci di Roma, prima della finale di Coppa Italia. Premesso che quello che è successo dentro lo stadio non è stato certo colpa di “Genny ‘a Carogna” (interpellato dalle Istituzioni mentre se ne stava tranquillo a vedere la partita, colpevole di aver indossato la maglia con scritto “Speziale libero”), al presidente del Bologna Albano Guaraldi non sembrano interessare le parole del Ministro. Il quasi ex patron del Bologna, durante l’incontro con Massimo Zanetti, interessato ad acquistare il club, si è presentato accompagnato da un veterinario. Di nome Cristian Frabboni che, come secondo mestiere, fa il capo ultrà della Curva del Bologna. “È un mio collaboratore di fiducia”, ha dichiarato Guaraldi al suo probabile successore. Peccato che, poche ore dopo, è uscita la verità. Confermata anche dagli stessi ultrà del club rossoblù. “Cristian Frabboni è uno dei leader della curva Andrea Costa bolognese”.

Articoli correlati

*

Top