Stazione Termini: attenzione ai rom “servizievoli” (AGGIORNAMENTI)

rom

Prima la nuova tecnica, adottata da una gang di rom, del blocco delle scale mobili per rapinare la gente. Adesso, sempre rom (gli stessi?), appostati accanto alle biglietterie della metro che chiedono il pizzo ai turisti in cambio di aiuto nell’acquisto dei ticket. A differenza dello stop delle scale mobili però, ad agire questa volta sono le donne rom. In cambio del “gentile” aiuto offerto ai pendolari, chiedono, o meglio pretendono, il resto. 50 centesimi, 1 euro, 2 euro. Non fa differenza, perché quei soldi, sommati, a fine mese ammontano tra i 500 e gli 800 euro. “Serve una mano?”, afferma uno zingaro. Neanche il tempo di rispondere che già hanno fatto tutto. Molti turisti nemmeno si azzardano a tentare il rifiuto. Temono di essere derubati.

Una vera e propria banda che, una volta individuato il turista da spennare, lo segnalano ad un altro gruppetto di nomadi che si apposta accanto alle biglietterie elettroniche. Il tutto avviene ogni giorno, tra l’indifferenza generale. Controlli non ce ne sono. Sorveglianza nemmeno. Gli impiegati Atac spiegano che non vale la pena “immischiarsi” in queste faccende perché “è troppo pericoloso”. Un sorvegliante ha dichiarato “io ho famiglia. Questi sono pericolosi, ti minacciano, non hanno nulla da perdere. Io invece di beccarmi una coltellata o un pugno in faccia non ne ho voglia”

L’ultimo episodio ieri, alla stazione Termini, dove cinque persone hanno subito questo abuso e si sono recati alla polizia per denunciare il fatto. Polizia che, dopo qualche inutile controllo, non può far altro che aspettare che arrivi una nuova denuncia.

AGGIORNAMENTO E come si prevedeva è arrivata la prima aggressione. Si tratta di un controllore, preso a calci e pugni da una giovane rom di 16 anni. “Avevo visto il solito movimento strano. Un gruppo di ragazze che circondavano alcuni turisti – ha dicharato il dipendente del gruppo Fs- ho detto a una di loro di andarsene. Poi sono stato aggredito da schiaffi, graffi sul viso e calci”.

La ragazza è stata identificata dalla polizia e denunciata per lesioni. Ma presto tornerà alla stazione Termini per chiedere il pizzo ai turisti. Quelle macchinette automatiche sono roba dei rom. “Appartengono” a loro e guai a chi prova a intromettersi.

Articoli correlati

0 Commenti

  1. Pingback: Borseggiatore muore dopo scippo nella metro di Piazza Vittorio

*

Top