L’Europa ha deciso: sì a insetti e larve in tavola

La notizia era già nell’aria da qualche giorno. Dopo l’evento “Nuovi cibi tra ricerca, sostenibilità e innovazione“ organizzato dall’Expo, è arrivata ufficialmente l’approvazione dell’Ue per introdurre insetti, alghe e meduse sulle nostre tavole. Poco male, almeno rimpiazzeremo la carne rossa che ci hanno fatto buttare.

Lo chiamano “novel food” e in effetti è piuttosto innovativo. Si tratta di vermi della farina, scorpioni ricoperti di cioccolato, larve dei cereali, termiti disidratate, tarantole arrostite, alghe, meduse e quant’altro. Stanno per arrivare sulle nostre tavole e, sicuramente arriveranno presto anche nei nostri ristoranti che cominceranno a servire pizza ai grilli e cremina di vermi a prezzi esorbitanti.

Il Parlamento europeo ha approvato l’accordo con il Consiglio per semplificare le procedure di autorizzazione dei ‘nuovi alimenti’. ‘Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, effettuerà una valutazione nei casi in cui un alimento abbia un effetto sulla salute umana. L’accordo è stato approvato con 359 sì, 202 no, 127 astenuti.

Quindi avremo presto alghe meduse e insetti vari che dopo una lavorazione industriale diventeranno dei veri e propri concentrati di energia. Pasta “arricchita”, salse per dolci, condimenti, polpette e barrette energetiche. Le meduse, terrore dei bagnanti europei, diventerà invece l’alimento preferito delle donne perché, a quanto si dice, preverrebbe il cancro al seno.

“Nel mediterraneo ci sono centinaia di di tonnellate di biomassa di questi organismi – spiega Antonella Leone (dell’Istituto di scienze delle produzioni) al Messaggero – costituiti di acqua e proteine, soprattutto collagene, con efficace attività antiossidante. Le molecole estratte dalla Cassiopea Mediterranea mostrano una significativa attività anticancro contro cellule di carcinoma mammario umano”.

In tutto ciò, sono circa 1900 le specie di insetti commestibili e vengono mangiati solo in 90paesi del mondo che preferiscono soprattutto coleotteri, bruchi, api, vespe, formiche, cavallette, locuste e grilli. Ma non fate quella faccia disgustata, secondo un sondaggiorealizzato dalla Doxa un italiano su due sarebbe disposto a “rinnovare” ilproprio regime alimentare introducendo i nuovi animaletti (chissà cosa ne pensano vegani e vegetariani).

Quindi, addio a wurstel, hamburger e bacon e benvenuti spiedini di cavallette e pizza con i grilli. Che bello.

Articoli correlati

*

Top