Venditti-Roma: storia di un rapporto difficile

venditti

Il rapporto tra Antonello Venditti e la Roma è sempre stato conflittuale. Non sono bastate le numerose canzoni dell’artista dedicate alla squadra giallorossa (compreso l’inno “Grazie Roma”) a sancire un amore eterno e indissolubile

Anzi, sono stati molti gli episodi di discussione tra il cantautore romano (famiglia di Campobasso) con la tifoserie. Ultimo dei quali, in ordine cronologico, era stata la dichiarazione, avventata, di Venditti di voler ritirare l’inno ufficiale della squadra dopo la sconfitta in finale di Coppa Italia contro la ,il 26 maggio del 2013. “Questa non è più la mia Roma”, aveva dichiarato.

Adesso il popolo romanista accusa il cantante di essere “il solito opportunista” (qualcuno lo ha addirittura etichettato come “sciacallo”) per aver deciso di invitare sul palco la madre di Ciro Esposito, Antonella Leardi, al prossimo suo concerto (o sabato 23 a Padova o giovedì 25 a Torino). “Ti voglio come madrina al mio evento”, l’invito del cantautore. In rete sono molti i post di critica di supporter giallorossi (alcuni anche molto duri) nei confronti di Venditti

“Ti ho sempre rispettato come persona e come romanista, ed il 23 novembre prossimo ricorderemo Ciro, vorrei che ci fossi anche tu”, la risposta della madre di Ciro.

Ma questa iniziativa non è andata giù ai tifosi della Roma, non tanto per il rapporto ormai di odio creatosi con i napoletani dopo l’uccisione dell’ultrà partenopeo, ma per “i secondi fini di Venditti” che, secondo la curva sarebbero per cercare di ottenere consensi anche in territorio “nemico”.

Il cantante per ora non risponde alle critiche e prosegue diritto per la sua strada. Difficile, però, che basterà un concerto per far riappacificare le due tifoserie.

Articoli correlati

*

Top