Roma: le truffe per i turisti del Giubileo sono tutte pronte

giubileo

A quattro giorni dall’inizio del Giubileo, la Capitale è nel panico. Il caos regna sovrano in città e gli unici ad essere organizzati sono i furbi. Che sanno già perfettamente come truffare i pellegrini. Benvenuti al Giubileo.

Al di là dello sciopero dei mezzi di oggi (stranamente di venerdì e nel giorno in cui c’è l’imposizione della circolazione secondo le targhe alterne) l’Atac è stata la prima ad ingegnarsi su come fregare i turisti. La risposta è un meraviglioso “special pack”. Si tratta di un pacchetto di quattro biglietti inseriti in una custodia in cartoncino con dentro una mappa dei collegamenti ferroviari romani e le indicazioni per raggiungere con i mezzi le principali basiliche della città. Il tutto al prezzo di 7 euro, ma i quattro biglietti sono del valore di 6 euro in tutto.

“Crediamo che i pellegrini spendano volentieri un euro in più per questo pacchetto – dice Emilio Cera (responsabile marketing Atac) a Il Tempo – perché è un bel souvenir e regala la mappa della metropolitana, siamo sicuri che apprezzeranno” A parte la dubbia affermazione di Cera, c’è da dire che nel frattempo Atac ha trovato il modo di intascarsi un euro in più ogni quattro biglietti. Meraviglioso.

Ma non solo in Atac ci si ingegna per spennare i fedeli di tutto il mondo in arrivo per il Giubileo. Gadget e souvenir religiosi made in Cina venduti sulle bancarelle, in primis. Poi ci sono gli esercizi commerciali (e i venditori ambulanti abusivi, ovviamente) che hanno incredibilmente alzato i prezzi, vendendo caffè, cornetti, tramezzini e bibite a peso d’oro.

Poi ci sono i “salta fila” ai Musei Vaticani. La Guardia di Finanza ha scoperto una truffa che ha sottratto al fisco una cifra che va oltre i cinque milioni di euro. Colpevole l’agenzia Caput mundi tour , specializzata in guide turistiche. I turisti venivano adescati in fila ai Musei, gli veniva offerto un biglietto al prezzo di 50 euro (invece che 21) con cui potevano saltare la fila e ricevere una audio guida. I procacciatori di clienti erano 77 di cui solo 11 in regola, tutti gli altri pagati in nero.  L’indagine non è ancora conclusa e nei prossimi giorni potrebbero saltare fuori altre agenzie coinvolte nella truffa.

Il Vaticano dal canto suo cerca di tutelarsi come può. Il Commissario del Comune, Francesco Paolo Tronca, ha disposto la rotazione di urtisti, camion bar e caldarrostai nei pressi di Piazza San Pietro. Dal 7 dicembre al 12 novembre 2016 non potranno essere presenti “attività commerciali” nella zona. Verranno comunque ricollocati nei pressi di via della Conciliazione per intercettare comunque i flussi turistici.

Tronca ha emesso un ordinanza anche per quanto riguarda il decoro dei trasporti pubblici. È partito ieri il programma speciale di pulizia nella principali stazioni metropolitane della Capitale.

Ad ogni modo, è il caso che i turisti in arrivo a Roma per il Giubileo si presentino armati di tanta pazienza e con gli occhi ben aperti.

Articoli correlati

Un Commento

  1. Pingback: ORM Consultants

*

Top