Eliminazione Roma: i senatori scaricano Garcia

Caos totale in casa Roma dopo l’umiliante eliminazione dalla Coppa Italia contro lo Spezia, squadra di metà classifica in Serie B.

“Una delle pagine più buie della storia della Roma, forse anche peggio della sconfitta con la Lazio nel derby di Coppa Italia”. Questo è il pensiero condiviso dalla stragrande maggioranza dei tifosi giallorossi che stavolta sono sul piede di guerra. E difficile dargli torto.

“Vi dovete vergognare, viziati, indegni”, uno dei tanti messaggidi rabbia letti ieri nella radio di Max Leggeri subito dopo la debacle ai rigori contro i bianconeri.

Una squadra, quella romanista, incapace di reagire, di lottare, di sudare per onorare la maglia. L’impressione, talvolta, é che ci sia addirittura qualcuno che remi contro Garcia. Perché per battere una formazione di Serie B non serve nemmeno impegnarsi troppo. Si vince e basta. E la Roma sono praticamente tre partite che non tira nemmeno in porta. Ma ieri è stato raggiunto uno dei livelli più bassi degli ultimi anni, si è davvero toccato il fondo e adesso qualcuno in società si dovrà assolutamente prendere le proprie responsabilità.

L’allenatore francese ha giurato che non abbandonerà la nave fino alla morte, ma il problema è che mai come ora il suo futuro é in bilico. Una società seria lo avrebbe già esonerato dopo una simile eliminazione.

Ma c’é di più, a fine gara alcuni calciatori, i più rappresentativi, avrebbero chiesto alla dirigenza di esonerare Garcia perché non ci sarebbero più le condizioni per proseguire il cammino insieme. De Rossi sarebbe stato il primo ad aver chiesto l’allontanamento dell’allenatore da Trigoria. Un’indiscrezione che, se confermata, peggiorerebbe ancora di più il clima che si respira all’interno dello spogliatoio.

Il giocattolo si è rotto e adesso il futuro di Garcia è sempre più in bilico. Come riporta il corrieredellosport.it, Lippi potrebbe essere il nome giusto come successore del francese sulla panchina della Roma. Il suo profilo è favorito al momento perchè accetterebbe di fare il traghettatore fino al termine della stagione. Più difficili le piste che portano a Spalletti, Mazzarri e Capello, ma i loro nomi potrebbero tornare buoni per il prossimo anno.

Che si faccia qualcosa, perché fare le orecchie da mercante e mettersi le bende davanti agli occhi stavolta potrebbe far scattare la contestazione più feroce degli ultimi 20 anni da parte del popolo romanista.

Questa Roma merita rispetto, giocatori, allenatore, presidenza, dirigenza. Tutti colpevoli.

Articoli correlati

*

Top