“Rose”, “Cabrio”, “Raiuno” e “Raidue”: il linguaggio delle escort

escort

Le escort guadagnano molti soldi e questo da cosa dipende? Semplice, dal fatto che sono sempre di più i clienti disposti a pagare (anche tanto) per avere prestazioni sessuali. Sposati, divorziati, single, giovani e meno giovani: i frequentatori delle prostitute (anche se le escort non vogliono essere definite così) sono di tutti i tipi.

E nel mondo delle escort, c’è un linguaggio sessuale che soltanto i più “raffinati” conoscono. Per dialogare con loro sul web, prima di incontrarsi direttamente, vengono usati dei termini che, all’apparenza, tutto sembrano tranne che specifici. Dagospia, però, ha svelato i segreti di alcune parole in realtà molto “hot”.

“Ti sintonizzi solo su su Raiuno?”, non è una domanda che il cliente fa alla escort per sapere se guarda la tv o meno, ma va inteso come una prestazione normale, in posizione base.

“Cabrio”, sta per “lo fai anche senza preservativo?”.

“Mi sintonizzo anche su Raidue”, significa che la signorina è disposta a fare anche del sesso anale.

Poi ci sono i termini “rose”, cioè soldi (la domanda più classico è: “quanto rose vuoi?”), “rate” significa che il compenso bisogna deciderlo prima di iniziare la prestazione e “extra” sono le pratiche “fuori menù” che la escort decide se praticare o meno col proprio cliente.

In base a codici precisi da imparare, scoprirai se le signore lavorano da casa o a domicilio. Se l’escort è “Incall” dovrai andarla a trovare. Se è “Loft” dovrai trovare un albergo, mentre se risponderà “Outcall” sarà lei a venire da te. Infine, prestare la massima attenzione a tutte le sigle tipo “Tg”, “Tv”, “Cd”, perché indicano i travestiti.

Il vademecum, poi, è in continuo aggiornamento…

Articoli correlati

*

Top