“Fuorigioco”: la posizione della Lazio e le rassicurazioni degli avvocati

fuorigioco

“I club coinvolti nell’operazione Fuorigioco non rischiano punti di penalizzazione”. È questa la notizia che, da ieri, aspettavano, con ansia, tutti i tifosi delle squadre tirate in mezzo nella maxi-inchiesta della Guardia di Finanza per “evasione fiscale e false fatturazioni”.

Dirigenti, calciatori e procuratori, per un totale di 64 persone indagate. Non è un segreto che il calciomercato si sia sempre prestato a sospetti, diffidenze e maldicenze.

A rassicurare, almeno in parte, i sostenitori dei club, sono arrivate le parole dell’avvocato di Mattia Grassani, esperto di diritto sportivo, che ha rilasciato una lunga intervista a “Tuttosport”.

“Se venisse accertato il coinvolgmento diretto di alcune squadre, escludo categoricamente una penalità in classifica. Così come, naturalmente, eventuali retrocessioni di ufficio. I club andrebbero incontro solo ad un multa”. Per quanto riguarda i vari presidenti e alti dirigenti (Galliani, De Laurentis, Lotito, Della Valle, Zamparini & Co), potrebbero pagare con un’inibizione. “Sì, ma non superiore ai due mesi”, ha precisato il legale.

Intanto, dal fronte Lazio, ieri è arrivato il comunicato ufficiale della società che ha voluto spiegare la posizione della squadra biancoceleste nell’inchiesta. “

“La Lazio ha agito in piena chiarezza. I fatti addebitati al club e al suo presidente riguardano i rapporti con il procuratore Alessandro Moggi per il trasferimento del calciatore Pasquale Foggia alla Sampdoria nel 2012 e di Giuseppe Sculli al Genoa. L’accusa sostiene che i compensi erogati al signor Moggi sarebbero stati illegittimamente detratti dalla società come costi sostenuti. L’ammontate delle imposte che sarebbero state evase attraverso la detrazione di tali costi è di 28000 euro totali”.

La società capitola è quindi certa di poter dimostrare agli inquirenti la propria estraneità ai fatti. “Alessandro Moggi è stato retribuito attraverso bonifici bancari” .

Dopo questo comunicato, la posizione della Lazio sembra più chiara e, almeno per ora, molto più tranquilla rispetto al terremoto “Fuorigioco” scoppiato ieri.

Articoli correlati

*

Top