Due turni di squalifica per la Nord: e il caso Diawara di Genoa-Bologna?

diawara

Cori di discriminazione territoriale, ma soprattutto “ululati” a Koulibaly. E’ arrivata la decisione del giudice sportivo che ha deciso di punire la Curva Nord con due turni a porte chiuse e 50 mila euro di multa alla Lazio. Le prime pagine dei giornali e i titoloni delle tv non parlano d’altro che “della vergogna di ieri sera allo stadio Olimpico” e “del coraggiosissimo arbitro Irrati che ha sospeso la gara Lazio-Napoli per qualche minuto”.

La Curva Nord, d’altronde, è razzista e va sempre punita. E si è beccata due turni a porte chiuse, perché recidiva in occasione del match del 10 febbraio scorso (Lazio-Genoa) per gli ululati a Niang (ora al Milan). Sarà sfuggito (si fa per dire) ai media un piccolo particolare: la Nord è vuota da almeno due mesi per la protesta dei tifosi contro il prefetto Gabrielli. Come ha fatto a fare gli ululati?

Adesso sono tutti indignati con i supporter laziali, tutti a condannarli. Ma dove erano gli stessi organi di stampa, il 12 dicembre scorso (e nei giorni seguenti) quando, in occasione di Genoa-Bologna, la curva rossoblù (storicamente di sinistra) aveva bersagliato di “Uh, Uh, Uh” il calciatore emiliano Diawara. Che reagì, al gol a tempo scaduto di Rossettini, mimando il gesto del gorilla in risposta ai genoani. “Mi trattano come una scimmia e ho celebrato come una scimmia”. Il giocatore venne espulso dall’arbitro Di Bello senza alcuna esitazione.

Quei cori si erano sentiti chiaramente, ma nessuno ne parlò e li condannò. Tanto che né il direttore di gara (non aveva scritto nulla sul referto), né il giudice sportivo Tosel hanno poi ritenuto l’episodio punibile. Anzi, il giocatore guineano subì pesanti critiche.

Ma come, ieri “il povero Koulibaly ha ricevuto attestati di stima e solidarietà da parte di tutto il mondo del calcio italiano” per gli insulti da parte della curva (vuota) della Lazio e Diawara condannato per aver esultato in quel modo? A pensar male si fa peccato, ma molte volte ci si indovina: se al posto dei genoani ci fossero stati i laziali cosa sarebbe successo? La risposta è arrivata già ieri sera, ma la conferma è arrivata adesso con la squalifica della Nord.

Articoli correlati

*

Top