Mediaset-Sky-Infront e le misteriose dimissioni di Rebecchini


“Aho, so’ riuscito a mette d’accordo Sky e Mediaset, in dieci anni mai nessuno lo aveva fatto”. Si esprimeva così il presidente della Lazio Claudio Lotito nella sua, ormai famosa, telefonata con il dg dell’Ischia Pino Iodice.

Da lì era partita l’indagine dell’Antitrust su una presunta spartizione dei diritti televisivi sulle più importanti partite di Serie A del triennio 2015-2018. Un affare da 3 miliardi di euro, con le parti coinvolte che sono Mediaset, Sky, Lega Calcio e Infront.

Peccato che questa indagine dell’Antitrust sia bloccata. Il 9 marzo doveva esserci l’audizione generale. Ma, caso strano e singolare, Stefano Rebecchini (uno dei tre componenti dell’Autorita garante della concorrenza e del mercato che doveva esprimersi sulla questione), ha deciso di lasciare l’incarico. Non se l’è proprio sentita di andare avanti e ha abbandonato tutto a un mese dalla scadenza del suo mandato. Strano no? Una strategia perfetta nel caso si volessero allungare i tempi.

A questo punto, come scrive “il Fatto Quotidiano”, i presidenti di Camera e Senato dovranno nominare un nuovo componente del collegio.

Ma ci vorranno comunque mesi sia per la nomina, appunto, sia per far sì che il neo arrivato studi e approfondisca il caso.

Si rischia seriamente, dunque, che l’inchiesta si concluda con un nulla di fatto. E forse è quello che tutti i potenti, le parti in gioco, vogliono realmente.

Articoli correlati

*

Top