Raffaele Sollecito presenta la sua start up: tombe 2.0

Raffaele Sollecito
Raffaele Sollecito

La notizia, riportata dal Corriere, lascia un po’ perplessi: Raffaele Sollecito, assolto in via definitiva nel processo per la morte di Meredith Kercher, sta per aprire un’azienda di servizi. Per lapidi e tombe.

Se si è lontani oppure non si ha tempo o, peggio, voglia di andare al cimitero a rendere omaggio ai propri cari che non ci sono più, adesso sarà possibile provvedere “a distanza”.

Tramite internet, acquistando i “prodotti” online, direttamente con un click, si potrà chiedere di far pulire la lapide di un congiunto o fargli recapitare un mazzo di fiori in una data speciale. Per poi ricevere comodamente via mail una fotografia per testimoniare che l’operazione è stata portata a termine.

Non solo: attraverso una mappa online sarà possibile sapere esattamente l’ubicazione della tomba. E magari condividerla su Facebook con i parenti e amici (anche se, per decenza, speriamo di no).

Oppure, qualora nel momento della dipartita si fosse lontani, grazie a un elenco di specialisti del settore, comodamente segnalati nella sezione “e-commerce”, si potrà organizzare il funerale anche a distanza.

Dulcis in fundo la parte “social” della start up prevede addirittura la possibilità di pubblicare fotografie, video o aneddoti che riguardano il caro estinto.

L’innovativa start up di Raffaele Sollecito, che si è laureato in ingegneria informatica all’università di Verona (con una tesi su se stesso), verrà presentata oggi a Sanremo, città dei fiori e quindi dei fiorai. Quindi potenzialmente interessati a questo servizio.

Nulla da dire: l’idea è innovativa. E, purtroppo, visti i tempi, “rischia” anche di avere successo.

 

Articoli correlati

Un Commento

  1. Pingback: Tre premi destinati a giovani laureati | Tesi Help

*

Top