Roma: luci ed ombre della “cura” Spalletti

spalletti

Che Luciano Spalletti non fosse un pezzo di pane lo hanno sempre saputo tutti; ma non ci si sarebbe mai aspettati che, tornato a Roma per la seconda volta, si mettesse a criticare e rimproverare chiunque.

L’ idea di fondo è che il tecnico di Certaldo voglia scuotere la squadra e lo staff per dar loro nuovi stimoli e nuove motivazioni. Lo scontro con Totti è solo uno degli scazzi che vedono “Lucianone” nei panni del giudice inflessibile da vestire senza limiti o compromessi.

I giocatori con cui ha discusso, oltre al Capitano, sono Gervinho, Florenzi e Maicon. Il primo, dopo l’esonero di Rudi Garcia, aveva deciso di andarsene con l’accordo in Cina poco prima dell’arrivo di Spalletti. Il tecnico ha comunque cercato di far rimanere l’ala ivoriana nella Capitale, anche se forse attraverso un incontro-scontro troppo duro. Florenzi, invece, è stato ripreso durante il post partita di Juventus Roma a causa della sua reazione nel momento in cui è stato sostituito: “Alessandro è un ragazzo eccezionale – ha commentato Spalletti– ogni tanto, però, si perde in atteggiamenti visibili a tutti. Un campione non deve fare queste cose”. Il terzino brasiliano, reduce da un periodo non facile (per problemi fisici), è stato ripreso dalle telecamere mentre rimproverava al mister la sostituzione di Manolas, dovuta solo al suo mal di schiena cronico.

I tifosi sono quasi preoccupati per l’atteggiamento adottato dal tecnico giallorosso, che nel 2009 è stato esonerato proprio per questo modo troppo autoritario di porsi nei confronti della squadra. “Farà la fine del 2009”, “così si rischia di degenerare” e ancora “spero che Spalletti si calmi, altrimenti finisce come l’ultima volta”, alcuni dei commenti dei tifosi sui social network. Sperando che la situazione migliori, c’è da ammettere che per ora i risultati sul campo stanno dando ragione al tecnico.

Articoli correlati

*

Top