Roma: Genoa battuto in rimonta, ora vanno vinte tutte

roma

La Roma rimonta, un’altra volta, espugna il Marassi e mostra i denti al Napoli di Sarri. Finito un primo tempo dominato dai giallorrossi, ingiustamente finito in parità, la squadra di Spalletti finita soto 2 a 1 contro i rossoblù è stata salvata da un leggendario Totti e dall’ex dell’incontro Stephan El Shaarawy.

“Totti è un brillante e i brillanti si mettono nelle grandi serate” così il tecnico di Certaldo ha commentato l’ennesima prestazione decisiva offerta dal “bimbo de oro”. Smentita ormai da tutti la voce su un possibile rifiuto del “Capitano” di uno stipendi da 1 milione, si pensa a come far contenti tutti.

Dopo la rimonta sul Toro, i capitolini dimostrano ancora grande carattere e “Lucianone” continua ad indovinare ogni cambio. Ma il vero protagonista della serata è stato Kevin Strootman. L’olandese ha dimostrato che, nonostante sia stato fermo ai box e sia tornato titolare oggi per la prima volta, 90 minuti per lui non sono un problema. “Er lavatrice” è tornato ed ora la rosa è veramente competitiva.

I partenopei, rimangono a più 2 grazie al solito Higuain. “El Pipita” regala due gol al San Paolo ed un’altra settimana di Champions diretta.

E Pallotta nel frattempo commenta: “Che bello vedere Strootman in campo”. Forse pensa a quanto potrà incassare dalla cessione di un centrocampista (Nainggollan e Pjanic su tutti) ormai troppi proprio a causa del ritorno dell’ex Psv.

Ora Totti e compagni devono continuare a vincere e a sperare in un passo falso del Napoli. Nel calcio nulla è mai scontato, ed ora i giallorossi cercheranno di sfruttare le ultime due partite al meglio. Chievo e Milan sono squadre alla portata e non dovrebbero esserci problemi. Sarri invece dovrà affrontare Torino e Fiorentina, non impossibile, ma nulla è ancora deciso.

Articoli correlati

Un Commento

  1. Luca said:

    Sono tifoso della Lazio e, pur non avendo visto la partita, esprimo sinceri complimenti alla Roma che sta dimostrando di essere una grande squadra, quantomeno in Italia. D’altronde la Roma ha un presidente, almeno sino ad oggi, giustamente ambizioso (a differenza di quello della Lazio) che si impegna al fine di rendere competitiva ad alto livello la squadra della società che presiede. Non voglio, quindi, minimamente sminuire i meriti della Roma, ma desidero solo evidenziare che il comportamento del Genoa – che nella partita contro i giallorossi ha rinunciato all’apporto di quattro propri calciatori diffidati nel timore di eventuali ammonizioni degli stessi che ne avrebbero determinato la squalifica e, quindi, l’assenza nella successiva partita contro la Sampdoria – potrebbe aver alterato la regolarità del campionato in relazione alla lotta per il secondo posto, non avendo il predetto club genovese probabilmente messo in campo la propria migliore formazione senza una valida giustificazione. Mi chiedo, pertanto, se i mezzi di comunicazione di massa abbiano adeguatamente censurato il suddetto deplorevole comportamento del Genoa – o se lo stiano facendo – o se invece tutto sia passato, o stia passando, sotto silenzio, come quasi sempre accade allorché errori arbitrali o comportamenti poco sportivi risultino vantaggiosi per la Roma.

*

Top