Sfida tra Mussolini per il Campidoglio: Rachele con la Meloni

rachele mussolini

Scontro politico tra le discendenti di Benito Mussolini: Rachele è candidata con la lista di Fratelli d’Italia, mentre Alessandra, invece, sarà capolista di Forza Italia che sostiene Alfio Marchini.

Chi credeva che ci fosse solo Alessandra come discendente del Duce impegnata in politica, si sbagliava di grosso: di Mussolini non c’è solo lei, conosciuta prima ancora del suo impegno amministrativo soprattutto per la sua recitazione in pellicole di basso livello. In questi giorni, infatti, si parla di sua sorellastra Rachele, nata dal secondo matrimonio di Romano Mussolini, grande appassionato di jazz e apprezzato musicista. “Ho sempre stimato Giorgia Meloni come politico e come donna: mi rispecchio nei suoi ideali, condivido i suoi valori e penso che davvero possa fare qualcosa di concreto per Roma” ha dichiarato Rachele Mussolini in merito all’ex ministro della Gioventù.

Rachele – mamma di due bambini, professionista, laureata che lavora part-time – è stata candidata per la persona, non per il suo cognome, rappresentando certamente una delle tante ragazze italiane che non hanno un lavoro all’altezza della loro formazione. Il suo impegno politico “dietro le quinte” è nato oltre dieci anni fa, prima con Alleanza Nazionale, poi nel Pdl. “Iniziai con un grande uomo della politica, il senatore Franco Servello. Questa volta – ha dichiarato al Tempo – cambia solo la forma del mio impegno, perché mi ritrovo in prima linea”. E la dimostrazione del suo impegno politico per nulla appariscente è l’impossibilità di reperire nella rete fotografie che la ritraggono.

Proprio Giorgia Meloni, dunque, ha precisato che il cognome di Rachele con la sua candidatura non c’entra proprio nulla: “La candidatura di Rachele Mussolini era in campo già da molti mesi – ha spiegato – da quando Forza Italia era ancora concentrata sulla candidatura di Bertolaso, e non c’era neanche l’ipotesi della candidatura di Alessandra Mussolini visto che lei aveva detto che Bertolaso era pessimo”. Non è mancata una frecciatina alla sorella Alessandra Mussolini che ha scelto di sostenere il candidato civico: “All’inizio, oltre a Bertolaso, aveva bocciato anche Marchini, poi invece ha scelto di candidarsi per lui”.

Articoli correlati

*

Top