Anche gli alberghi si adeguano al digitale

alberghi
La porta di una camera d'albergo si può aprire con lo smartphone

Meglio tardi che mai. Può essere sintetizzata così la sterzata di importanti alberghi nella direzione di come cambia la società

Una secchiata di acqua gelida addosso. Ha avuto pressappoco questo effetto la notizia che 3 giovani su 4 prediligono, quando sono in viaggio, cercare su Airbnb o altre piattaforme analoghe il posto dove dormire, e lo fanno in ossequio a criteri tutti nuovi. Snobbando di conseguenza quelli che sono i canali tradizionali con cui si è da sempre prenotata una camera e le soluzioni ordinarie.

E alcune famosissime catene si sono attrezzate in questa direzione, adeguando le proprie modalità, i loro stili e standard per recepire una mutazione della domanda poi non così imprevedibile.

Questo cambiamento è arrivato con l’affacciarsi sulla scena dei “nativi digitali”, under 30 che hanno esigenze diverse dal frequentatore tradizionale di alberghi.

Innanzitutto poco gliene importa dei fronzoli, tutto è basato sull’essenzialità. Sono alla ricerca di poca forma e tanto contenuto, come ad esempio una connessione veloce con la quale navigare in Internet, spazi dove rilassarsi e socializzare, cibi buoni e salutari da poter assaporare, bar aperti 24 ore su 24.

E’ finita l’era degli orpelli pagati a caro prezzo. Trionfa il low-cost, e le catene fanno a gara a chi offre le tariffe più scontate. Introducendo anche migliorie tecnologiche che semplificano la vita di tutti i giorni.

E’ il caso delle porte delle camere che si aprono semplicemente avvicinando il proprio smartphone o degli alberghi senza il bancone della reception (tanto la prenotazione si fa online) o addirittura delle stanze prive di scrivania (il computer si usa anche sdraiati sul letto).

Gli alberghi si dotano anche di spazi dove poter effettuare riunioni di lavoro informali, visitare i social network, giocare e vedere in tutta comodità prodotti audiovisivi, palestre pluriaccessoriate dove poter fare sport.

Per le stanze vengo prediletti i colori accattivanti, per i corridoi la psichedelia. Ma non tutti ovviamente sono entusiasti di questa svolta. Ad essere scontenti sono i tradizionalisti, quelli che con il digitale ci fanno a cazzotti, ancorati a gusti a cui ancora coriaceamente si aggrappano. Over 30, sicuramente, a cui ancora pizzi, broccato e barocco fanno un certo effetto. Per questo ancora sopravvive un’offerta, sempre più di nicchia, improntata al tradizionalismo, alla forma.

Il mondo sta cambiando, e con lui la vita di tutti i giorni. Ad adeguarsi, questa volta, sono gli alberghi.

Articoli correlati

*

Top