L’Unità, Riccardo Luna nuovo direttore? (con una redazione dimezzata)

Riccardo Luna, nuovo direttore de L'Unità

Gramsci non sa più da che parte rivoltarsi. Per l’ennesima volta, infatti, si tenterà di “rilanciare” l’Unità, puntando (ma va?) sull’innovazione.

Ma non sui giornalisti che, secondo le previsioni, saranno ridotti da 33 a 16. Complimenti vivissimi.

L’Unità, da anni in profondo rosso, viene mantenuta in vita artificialmente, quando si dovrebbe solo staccare la spina. Ma no. I “danni di immagine” per il Pd sarebbero incalcolabili. Per le copie vendute, invece, si fa presto a fare i conti: una media di 8mila quotidiani venduti, a fronte di 60mila stampati (con buona pace dell’Amazzonia).

Dunque, dopo l’abbattimento degli alberi allo scopo di fare la carta di un giornale che non legge più nessuno, il taglio di metà della redazione (e chi li scriverà gli articoli? gli stagisti?), la scure cadrà impietosa ovunque ci sia qualcosa da recidere: addio, dunque, al formato “lenzuolo”, bentornato (?) a quello tabloid (nonostante sia odiato dai pensionati, gli unici che ancora leggono l’Unità).

Il nuovo direttore Riccardo Luna avrà il duro compito di rilanciare il giornale, puntando sull’interazione sui social network e i video sul sito della testata. Sperando che non gli faccia fare la medesima fine del mensile Wired che è scomparso dalle edicole, nonostante fosse una pubblicazione di successo.

Ma tanto l’esperto è lui, mica noi.

AGGIORNAMENTO 18 Maggio >> Riccardo Luna ha declinato l’invito ad essere il nuovo direttore de L’Unità.

 

 

Articoli correlati

*

Top