Omicidio Esposito: 26 anni per De Santis

Ventisei anni di carcere per omicidio volontario. Questa la pena inflitta a Daniele De Santis per la morte di Ciro Esposito.

Lo ha deciso questa mattina la terza Corte d’Assise di Roma che ha disposto anche un risarcimento alla famiglia del tifoso partenopeo di 140mila euro.

Niente ergastolo, dunque, come avevano chiesto i pm Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio, per l’ultra giallorosso. Anche se si tratta comunque di una pena esemplare.

Appena appresa la notizia, sono arrivate le parole di Antonella Lardi, madre di Ciro, che ha dichiarato: “La pena è giusta, io non volevo l’ergastolo. Non provo odio verso Daniele De Santis”.

I giudici hanno condannato anche a otto mesi di reclusione Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito che erano accusati di rissa.

Naturalmente non sono mancate tensioni e polemiche in aula. “Quel giorno Daniele De Santis fu vittima di un linciaggio a cui tentò di sottrarsi. Oggi mi aspettavo un proscioglimento per legittima difesa”, ha dichiarato l’avvocato Tommaso Politi, legale di De Santis. “Non mi aspettavo questa decisione, perché le nostre argomentazioni erano solide. Argomentazioni suffragate anche da una serie di testimonianze”

Articoli correlati

*

Top