Memoria, ecco i cibi che aiutano il cervello a svilupparla

Memoria lunga o corta? Se siete tra quelli che faticano a ricordarsi dove hanno messo le cose, gli appuntamenti, le password e sono costretti a segnarsi tutto per iscritto, ora con la giusta dieta potrete allenare la vostra mente a salvare i ricordi

Elisabetta Menna, ricercatrice dell’Istituto clinico Humanitas di Rozzano, nel Milanese, e dell’Istituto di neuroscienze del Cnr, ha stilato infatti una speciale lista di alimenti capaci di aiutare la memoria.

Questi alimenti sono: uova, germe di grano, arachidi, merluzzo, semi di girasole, caffè, cioccolato fondente. Si tratta di «cibi più amici del cervello e della memoria» perché «ricchi di colina, un coenzima essenziale ovvero una molecola importante per mantenere integra la struttura cellulare e le funzionalità del sistema nervoso e perché prodighi di vitamina B». A quanto pare fondamentali per aiutare la memoria a lungo termine.

In particolare l’accoppiata cioccolato fondente e caffè sembra essere un ottimo abbinamento per il cervello. Il cioccolato fondente, infatti, contiene flavonoidi che rappresentano un valido aiuto per far fronte alla perdita di memoria. Il caffè, invece, migliora l’acutezza mentale grazie alla caffeina che, oltre a essere una fonte di antiossidanti che aiutano a mantenere il cervello in salute, aiuta anche a prevenire la depressione nelle donne.

«Questi cibi – spiega la Menna – quando consumati regolarmente, aiutano a migliorare, insieme alla memoria a lungo termine, anche la funzionalità del sistema nervoso, la capacità di attenzione e partecipazione». Ma, oltre agli alimenti già citati, ci sono le verdure che hanno un ruolo strategico nel migliorare la memoria:  broccoli cavoli, cavolini, cavolfiori (contengono vitamina C e acido folico e hanno un effetto positivo sulla memoria, la concentrazione e l’attenzione). Gli spinaci, ricchi di luteina, un importante antiossidante, proteggono il cervello dal declino cognitivo. Le noci, che contengono acidi grassi omega3 e omega6, vitamina E e B6 che sono molto utili per mantenere la funzionalità del sistema nervoso. I mirtilli, ricchi di antocianine e cianidine ad azione antinfiammatoria, sono un valido alleato contro l’invecchiamento del cervello perché contrastano l’azione dei radicali liberi. La curcuma, che contiene curcumina, sembrerebbe un valido aiuto nella prevenzione dell’Alzheimer.

Articoli correlati

Un Commento

  1. Pingback: Contenuti di qualità – lianazorzi.com

*

Top