Papa scomunica la “veggente” Giuseppina Norcia. E Medjugorje?

La megastruttura di accoglienza in costruzione da 5 anni

In attesa che si pronunci finalmente – in modo chiaro e definitivo – sui veggenti di Medjugorje, arriva la scomunica della Chiesa cristiana universale della Nuova Gerusalemme, organizzazione religiosa nata a Gallinaro, paesino della Ciociaria.

Chi ha aderito a questa dottrina – alimentata dalle presunte apparizioni divine a Giuseppina Norcia, morta nel 1989 a 49 anni – è stato dunque scomunicato dalla Chiesa Cattolica. La decisione è stata presa dalla Congregazione per la dottrina della fede, l’ex Santo Offizio. L’accusa è grave: scisma. Quindi, a meno che i fedeli della setta di Gallinaro decidano di rientrare nella Chiesa intraprendendo un percorso di redenzione, quando moriranno non avranno sepoltura ecclesiastica e – per chi ci crede – la loro anima sarà condannata a vagare in eterno.

In questo modo, papa Francesco mette definitivamente fine ai conflitti nei confronti di questa organizzazione religiosa, nata negli anni Ottanta, caratterizzata da “visioni” che Giuseppina Norcia giurò di aver avuto con Gesù Bambino, la Madonna e S. Michele Arcangelo. Con tanto di miracoli, ovviamente.

Nonostante l’appoggio dell’allora vescovo Carlo Minchiatti, nel 1992 la diocesi mise in guardia i fedeli da «fatti che tendono a presentarsi come “straordinari” o “soprannaturali”, mentre non risultano tali né per origine, né per natura, né per contenuto. Ciò vale anche per affermate guarigioni che si dicono colà avvenute, in quanto non provate scientificamente e mai presentate e sottoposte ad esame degli Organi competenti».

Morta la “veggente”, il genero – non si sa secondo quale principio – decise di autoproclamarsi suo “erede spirituale”. E il consueto meccanismo si mise in moto: raccolta fondi attraverso donazioni, fondi del 5 per mille del volontariato e addirittura soldi erogati dalla Regione Lazio e conseguente messa in opera di una megastruttura di accoglienza (ancora da terminare, dopo 5 anni). Come al solito, dove c’è un veggente c’è un cospicuo giro di denaro.

Un po’ come a Medjugorje, dove da 35 anni la Madonna apparirebbe pressoché ogni giorno a cinque veggenti. “Fenomeno” che attira milioni di pellegrini ogni anno. Si stima che dal 1981 al 2013, l’ammontare totale delle spese turistiche prodotte a Medjugorje si aggiri intorno ai 2,85 miliardi di euro (dei quali 290 milioni sarebbero stati convogliati nelle casse della Chiesa Cattolica, donazioni escluse). Inoltre, stimando in circa 23 milioni i pellegrini arrivati nel paesino dell’Erzegovina negli anni presi in considerazione, le spese di viaggio ammontano a quasi 8,5 miliardi di euro, per un giro d’affari mondiale di circa 11 miliardi di euro.

Articoli correlati

4 Commenti

  1. silvia said:

    La scomunica riguarderà il genero di >Giuseppina Norcia,.. lei è morta da diversi anni,.. poi era una persona umile, povera, semplice, vera., autentica. A Gallinaro vi sono stati tantissimi miracoli, guarigioni,..exvoto..moltissimi. C’era tanta tanta tanta preghiera- un luogo poverissimo, una piccola cappellina,..con una piazzetta antistante..con tante panchine..dove poter pregare. i sono stati innumerevoli pellegrinaggi provenienti da..tutt’ Italia, vi andavano anche le Parrocchie.

  2. silvia said:

    Ma Giuseppina Norcia è morta,..da molti anni.la scomunica riguarderà suo genero( Samuele?),ma lei, non c’entra affatto, era una donna umilissima, sincera e povera,.poi è vero che Gesù Bambino le era apparso..il giorno prima della sua Prima Comunione,.. poi dopo anni ,..quando era appena sposata. Ci sono stati moltissimo miracoli a Gallinaro, un luogo molto povero, nascosto, senza nulla,..solo una cappellina ..con una piazzetta davanti,..dei banchi- all’aperto,-tanta tanta preghiera, almeno era così..fino al 2007 . C’erano pellegrinaggi da ogni parte d’ Italia.

  3. Giovanni said:

    C’è però da dire che nel caso Medjugorje le cose sono andate esattamente all’opposto. Il vescovo locale è contrario, mentre è stata proprio la Chiesa ad affermare “… Le dichiarazioni del vescovo di Mostar riflettono un’opinione personale, non sono un giudizio definitivo e ufficiale della Chiesa. Tutto è rinviato alla dichiarazione di Zara dei vescovi della ex Jugoslavia del 10 aprile 1991, che lascia la porta aperta a future indagini. La verifica deve, perciò, andare avanti. Nel frattempo sono permessi i pellegrinaggi privati con un accompagnamento pastorale dei fedeli. Infine, tutti i pellegrini cattolici possono recarsi a Medjugorje, luogo di culto mariano dove è possibile esprimersi con tutte le forme devozionali….”
    Questo vuol semplicemente dire che dobbiamo avere pazienza, spetta alla Chiesa in quanto Madre e Maestra prendere le giuste decisioni … e se il Papa dice che hanno fatto le cose bene … c’è da fidarsi.

  4. Giuliano said:

    Non riesco a vedere il nesso associativo tra Medjugorje e Giuseppina Norcia, suo genero e gli altri seguaci novelli scomunicati. Non va bene fare di tutta l’erba un fascio. A parte che i veggenti di Medjugorje non sono cinque ma sei e che i pellegrini che vi si sono recati non sono “circa 23 milioni” ma quasi 50 milioni, il giro d’affari in un luogo di preghiera non è un argomento serio per sollevare critiche in merito alla sua autenticità. Il popolo dell’Erzegovina ha patito la dominazione ottomana, il regime comunista e la guerra dei Balcani. Dopo secoli di miseria è una vera benedizione celeste che la più grande sorgente di spiritualità al mondo sia sorta proprio lì.

*

Top