Lazio: la Nord torna allo stadio

La Curva Nord tornerà allo stadio. Adesso non ci sono più dubbi.

La conferma è arrivata direttamente ai microfoni di Radiosei, proprio durante la trasmissione “La Voce della Nord”.

Naturalmente, non verrà sottoscritto l’abbonamento, ma alla fine hanno comunque prevalso l’amore per i colori biancocelesti e la paura che la lazialità, con Lotito, svanisca per sempre come valore. Soprattutto tra i più giovani.

Di seguito l’intervento di Fabrizio Piscitelli, alias Diabolik.

“Come la società deve ristrutturarsi, anche la Curva Nord non può permettere che i tifosi della Lazio si perdano. Questo non lo possiamo permettere, c’è voglia di tornare allo stadio, occupare il nostro settore ed andare in trasferta tutti insieme. Qui si rischia l’estinzione, dobbiamo ricrescere come tifoseria e tornare a seminare lazialità. Non possiamo accettare che si perdano generazioni di tifosi, non andare allo stadio per un anno ha portato una disgregazione totale. Capisco chi pensa che non andando allo stadio si faccia un dispetto a Lotito, questi sono argomenti di discussione anche tra noi del gruppo. Abbiamo cercato di sensibilizzare le istituzioni rispetto al problema delle barriere, ma ora abbiamo l’obbligo di tornare ad essere quello che eravamo. Dobbiamo farlo per i più giovani, per quelle generazioni che si rischia di perdere”.

Articoli correlati

12 Commenti

  1. anto' said:

    tutto giusto ma solo una cosa mi chiedo e chiedo a tutti quelli che si chiedono quando la lazio tornerà nel posto che merita: ma quale sarebbe il osto che merita. I primi tre in Italia e tra le migliori in europa?….ma in tutta la sua stori aquando mai la lazio è stata dove merita a parte il periodo d’oro di cragnotti (finito come sappiamo)..dico io un po di realismo.non verra mai un arabo a comprare la lazio.Se ci fossero richieste allora direi al Pesidente fatti da parte..giustamente. ma si tratterebbe di poter portare la lazio in una posizione dove non è mai stata. fino ad allora mi pare che bisogna tifare e sperare che la lazio diuventi appetibile per qualcuno. om epuo oggi un imprenditore comprare una squadra che ha 5000 tifosi e che senza sostegno va a picco. Mi pare la maniera peggiore per sperare di migliorare le cose.poi ognuno fa come vuole.

    • Luca said:

      Il posto che merita la Lazio, considerando che è la sesta squadra italiana per numero di tifosi e per risorse economiche societarie, potrebbe essere, in linea teorica, dal sesto in su, ma se poi in classifica arrivasse in posizioni inferiori in qualche campionato, non sarebbe certo un dramma, perché questo fa parte del calcio, il cui fascino sta anche nel fatto che pure le squadre migliori possano avere campionati negativi! Ma nella fattispecie io vorrei solamente un presidente che lasciasse liberi di sognare, perché anche nei momenti più neri della Lazio (ad esempio, quando siamo stati in B negli anni ’80) c’era sempre la speranza che prima o poi le cose sarebbero potute migliorare e, pertanto, ciò aiutava a non scoraggiarsi ed a rimanere sempre vicini alla Lazio. Con Lotito, invece, hai un presidente che fa chiaramente intendere di non voler vendere la Lazio (se non a prezzi astronomici, assolutamente fuori mercato, che nessuno sano di mente pagherà mai) anche se non vuole – o forse non può – rinforzarla al livello adeguato al prestigio della società biancoceleste. Se a ciò aggiungi che nelle interviste che rilascia egli vuole sempre apparire come il presidente più bravo ed intelligente, che nulla deve correggere del proprio operato, nonostante, solo per dirne una, la Lazio sia giunta a ben 26 dalla Roma – che è una squadra con cui la Lazio dovrebbe invece competere – il quadro è completo! Insomma, io da tifoso laziale so, perché dodici anni di presidenza lotititiana parlano chiaro, che la Lazio con Lotito è destinata a rimanere mediocre e che egli dicendo di voler rifiutare ogni ipotesi di vendita presente e futura della stessa (cosa che né Cragnotti, che pure se lo sarebbe potuto permettere per le gioie che ci ha dato, né gli altri presidenti del passato della Lazio hanno mai detto) di fatto ha imprigionato la Lazio ed i suoi tifosi togliendo, quindi, ogni rosea prospettiva agli stessi. Non dimenticare che la depressione sta nella mancanza di prospettive!

  2. Marco said:

    …Io non sto qui a fare una classifica o una graduatoria meritocratica perché qui sul web tutti possiamo essere chiunque e scrivere qualsiasi cosa… non so quanta gente di questa sia stata presente prima durante e dopo questa iattura caduta a livello di stile e immagine sulla nostra Lazio…ma dal momento che ci si è messi uno contro l’altro con la politica del “divide et impera” lui ha vinto…e ora qualsiasi scelta si possa fare è tardiva e risulterà agli occhi di qualcuno sbagliata e inopportuna…ma non dite che la curva ha perso !! Quella curva, di cui faccio parte e della quale sarò sempre orgoglioso non perderà mai !!! Perché solo chi non prende decisioni non sbaglia, solo chi non si assume responsabilità non sbaglia. Preferisco sbagliare 100 volte che essere ponzio pilato una volta sola !!! Quanti di quelli che non andranno allo stadio ( e poi aspettano Lazio empoli o invadere formello alle 4 di notte dopo Lazio napoli…) e poi fanno l’abbonamento alle paytv, finanziando cosi facendo molto più fattivamente la presenza eterna di questo indegno fanno questo? TUTTI, LO DICO IO !!! Qui la scelta è personale, come quella di capire o no che Lazio è NOSTRA ….DELL’AMOR DI CHI LA VIVE !!!!

    • Luca said:

      I tifosi laziali (anche i più lotitiani) si erano finalmente riuniti sottoscrivendo solo 11 tessere nel giorno di apertura della campagna abbonamenti ma proprio questa decisione dei tifosi della Curva Nord (totalmente immotivata anche in ragione della campagna acquisti assolutamente insufficiente fatta sino ad ora dalla Lazio) ha portato un grande elemento di divisione nella tifoseria biancoceleste e rafforzato Lotito! Tra l’altro, io, come tanti altri, non rinnoverò l’abbonamento alla Tv a pagamento. Se poi la Lazio farà un grande campionato potrò anche tornare a vederla, ma questa non sarebbe una resa a Lotito – come è avvenuto ora per effetto della suddetta decisione dei tifosi della Curva Nord – ma semplicemente un riconoscimento allo stesso per il buon lavoro che a quel punto evidentemente avrebbe svolto, perché bisogna riconoscere i meriti quando ci sono e stigmatizzare, invece, i comportamenti sbagliati. Inoltre, se Lotito effettuasse degli investimenti – immettendo proprio denaro nelle casse della Lazio mediante un aumento di capitale – e migliorasse la qualità della rosa della Lazio sarebbe assurdo non sostenerlo, ma sono tuttavia certo che ciò, purtroppo, non avverrà! E’ bene ribadire che i tifosi laziali nel corso degli anni hanno provato più volte a ridare fiducia a Lotito, ma quest’ultimo non ha mai ripagato le loro aspettative perdendo tutti i treni che ha avuto a disposizione per far crescere la Lazio! E’ per la suddetta ragione che si è arrivati ai recenti livelli di civile contestazione (che si stava attuando con il mancato acquisto di abbonamenti allo stadio e alle tv a pagamento) da parte dei tifosi laziali al fine di mettere in difficoltà Lotito mediaticamente – e quindi politicamente – ed indurlo quindi a pensare anche all’ipotesi di poter cedere la Lazio. Ma la suddetta decisione dei tifosi della Curva Nord, di fatto, è una gigantesca ciambella di salvataggio lanciata a Lotito senza che quest’ultimo l’abbia minimamente meritata!

    • Luca said:

      Caro Alfredo, i tuoi figli corrono il rischio di diventare romanisti perché abbiamo un presidente senza ambizioni come Lotito grazie al quale non vinciano un derby dal 26 maggio 2013 (e l’ultimo lo abbiamo perso 4 a 1) e la Lazio arriva puntualmente dietro alla Roma (anche a distanze siderali di 26 punti, come quest’anno), non certo perché la Curva Nord è vuota!!!

  3. Paolo said:

    Benissimo. Ognuno è libero di fare ciò che crede. Ma così Lotito ha vinto e i tifosi della Curva non avranno più diritto di lamentarsi. Per quanto mi riguarda -e spero per quanto riguarda molti altri tifosi come me- fino a che Lotito sarà presidente della Lazio, neppure un centesimo uscirà dalle mie tasche per la Lazio.
    Fare un problema un giorno e fare l’esatto contrario un altro giorno non è coerente e suscita molti sospetti.

    • Luca said:

      Condivido il tuo pensiero. E questi sarebbero i tifosi più appassionati della Lazio? Per me sono più tifosi della Curva Nord che della Lazio! Lotito li ringrazia sentitamente, perché grazie a loro egli potrà rimanere per molto tempo ancora presidente della Lazio e prosperare in ricchezza anche grazie alla Lazio! In ragione di questo tipo di tifosi, infatti, mai si accenderà l’attenzione mediatica – e quindi politica – sul grande problema che noi laziali abbiamo da anni a causa della gestione della Lazio da parte di Lotito. Questa volta che veramente si è trovata una grande unità d’intenti tra i tifosi laziali (11 abbonamenti venduti nel giorno di apertura della campagna abbonamenti), dato che anche i più irriducidili lotitiani, ormai stanchi di questo presidente, hanno deciso di disertare l’Olimpico e che, quindi, si può mostrare al mondo uno stadio vuoto in occasione delle partite della Lazio a Roma – mettendo conseguentemente in grandissima difficoltà Lotito – questi tifosi della Curva Nord lanciano una gigantesca ciambella di salvataggio a Lotito, il quale è in evidente difficoltà!
      Pensate, infatti, a quali sarebbero gli effetti mediatici per l’immagine imprenditoriale di Lotito nell’ipotesi in cui nelle partite della Lazio ci fosse l’Olimpico, vuoto, o con pochissimi (5.000, 6000) spettatori! Farebbe la figura dell’imprenditore incapace, di colui che ha ridotto la Lazio, la sesta società italiana per il numero di tifosi (circa 1.500.000 solo in Italia) e la prima squadra (per anteriorità storica) della città di Roma – con un bacino di utenza, quindi, di circa 5 milioni di persone – ad avere il pubblico della piccola squadra di provincia in un campionato di Serie B! Un siffatto disastro imprenditoriale non sarebbe occultabile dai mezzi di comunicazione di massa e dello stesso Lotito dovrebbe probabilmente rispondere anche in ambito politico. Invece, con la suddetta decisione, questi tifosi della Curva Nord praticamente vanno in soccorso di Lotito! E non è la prima volta che ciò accade, perché già era successo all’inizio del campionato 2014-2015, allorché questi tifosi della Curva Nord, dopo un’estate di distacco da Lotito ed i conseguenti numerosi comunicati estivi di quest’ultimo terrorizzato dalla prospettiva degli spalti dell’Olimpico deserti, erano tornati all’Olimpico ridando linfa vitale al predetto presidente laziale. Dopo quel ritorno dei tifosi laziali all’Olimpico, a parte il bel campionato della Lazio nel 2014-2015, c’è stato il disastro della scorsa stagione, con i soliti giganteschi difetti di Lotito manifestatisi in modo ancor più lampante! Ma, evidentemente la lezione non è bastata a questi tifosi laziali!
      Per quanto mi riguarda – e spero per quanto riguarda molti altri tifosi laziali come me – fino a che Lotito sarà presidente della Lazio e che continuerà a comportarsi così, neppure un centesimo uscirà dalle mie tasche per la Lazio, perché l’unica soluzione è il boicottaggio totale (niente stadio, tv a pagamento e prodotti societari) e la contestazione in atto con la diserzione dello stadio ha già colpito economicamente la Lazio, e quindi Lotito, nonostante quest’ultimo voglia far vedere il contrario. Chiunque vada allo stadio pensando di aiutare la Lazio, in realtà va ad aiutare Lotito e protrae la permanenza dello stesso alla Lazio!
      A questi tifosi della “Curva Nord” dico che la lazialità ed i tifosi laziali si stanno perdendo perché c’è un presidente come Lotito che mortifica la passione dei tifosi laziali e che ha perso sistematicamente tutti i treni grazie ai quali la Lazio poteva crescere nel corso della sua presidenza, non certo perché la Curva Nord (che pure dà calore ed entusiasmo alla squadra e agli altri tifosi) non sia piena! E’ infatti difficile pensare di poter riempire lo stadio e di acquisire nuovi tifosi quando hai un presidente senza ambizioni che non rafforza la squadra nonostante gli agguerriti dirimpettai, che si fa cogliere sorridente dalle telecamere mentre la Lazio perde 2 a 0 con il Napoli a Roma o mentre i tifosi laziali lo contestano, che un giorno sta a Salerno ed un altro con la Nazionale anche se la Lazio è reduce da sconfitte umilianti, e che soprattutto deprime i tifosi laziali dicendo di non voler cedere la Lazio e di volerne rimanere presidente a vita!
      Insomma, il vero problema della Lazio e dei laziali è Lotito, non la Curva Nord non gremita!!!
      Pertanto ai tifosi della “Curva Nord” dico che, dopo una stagione amara come quella che si è conclusa e dopo gli ultimi anni della gestione Lotito, un ritorno dei tifosi laziali all’Olimpico senza l’allestimento di una grande squadra da parte di Lotito non ha senso!!!
      Ai predetti tifosi faccio altresì presente che, se non ci sarà una revoca della suddetta decisione da parte della “Curva Nord”, mai più parteciperò alle manifestazioni indette dai rappresentanti della stessa – come ho fatto anche il 14 luglio scorso superando le difficoltà derivanti dagli impegni di lavoro e dal traffico romano – poiché ritengo che con questa decisione i medesimi danneggino gravemente la Lazio e, quindi, gli altri tifosi laziali!
      Povera Lazio nostra, chissà quando tornerà a vedere la luce!

*

Top