L’Islam, il terrorismo e la miopia della Chiesa

Prima ancora del discorso tenuto a Ratisbona nel 2006 da Papa Benedetto XVI, un appello alla prudenza nei rapporti con l’Islam venne lanciato da Mons. Germano Bernardini, Arcivescovo di Smirne (Turchia).

Non solo: l’appello sembra addirittura una profezia se si pensa al recente invito rivolto ai musulmani di andare a pregare in chiesa assieme ai cattolici: “Non si conceda mai ai musulmani una chiesa cattolica per il loro culto, perché questo ai loro occhi è la prova più certa della nostra apostasia”. Le parole vennero pronunciate nel corso del secondo Sinodo dei Vescovi d’Europa il 13 ottobre 1999 e assumono un’inquietante attualità: gli interrogativi sollevati da Mons. Bernardini si basano su quanto vissuto in oltre 40 anni di attività in Turchia, paese musulmano al 99,9%.

L’invito alla cautela e a non mischiare le diverse correnti dell’islam è obbligatorio, eppure gli episodi raccontati dall’arcivescovo fanno riflettere. Il primo riguarda l’intervento di un autorevole personaggio musulmano che secondo fonti attendibili riportate da Libero era SadatAnwar-1918-1981, presidente della repubblica egiziana dopo la morte di Nasser – 1970 Sadat venne assassinato dalla corrente integralista dei Fratelli musulmani, che pensavano invece ad una lotta armata. Durante l’incontro ufficiale sul dialogo islamo-cristiano,  rivolgendosi ai partecipanti cristiani, Sadat disse ad un certo punto con calma e sicurezza: «Grazie alle vostre leggi democratiche vi invaderemo; grazie alle nostre leggi religiose vi domineremo».  E il dominio, secondo Mons. Bernardini, “è già cominciato con i petrodollari, usati non per creare lavoro nei paesi poveri del Nord Africa o del Medio Oriente, ma per costruire moschee e cenni culturali nei paesi cristiani dell’immigrazione islamica, compresa Roma, centro della cristianità”.

Nel secondo episodio, l’arcivescovo racconta di un altro incontro islamo-cristiano, organizzato come sempre dai cristiani: “un partecipante cristiano chiese pubblicamente ai musulmani presenti perché non organizzassero almeno una volta anche loro incontri del genere. L’immancabile autorevole musulmano presente rispose testualmente: «Perché dovremmo farlo? Voi non avete nulla da insegnarci e noi non abbiamo nulla da imparare»”.

Anche gli islamici che sembrano più propensi al dialogo sembra che antepongano prima di tutto i comandamenti della loro religione: “In un monastero cattolico di Gerusalemme c’era e forse c’è ancora un domestico arabo musulmano – raccontò ancora Mons. Bernardini – Persona gentile e onesta, egli era molto stimato dai religiosi che ne erano ricambiati. Un giorno con aria triste egli dice loro: «I nostri capi si sono riuniti e hanno deciso che tutti gli “infedeli” debbono essere assassinati, ma voi non abbiate paura, perché vi ucciderò io senza farvi soffrire»”.

È ancora Libero a ricordare come ad essere prudenti nell’invitare e accogliere i rappresentanti dell’islam all’interno dei luoghi di culto cristiani, sia stata addirittura la Cei con le indicazioni emanate nel 1993: «Le comunità cristiane, per evitare inutili fraintendimenti e confusioni pericolose, non devono mettere a disposizione, per incontri religiosi di fedi non cristiane, chiese, cappelle e locali riservati al culto cattolico, come pure ambienti destinati alle attività parrocchiali». Era un documento dal titolo «Orientamenti pastorali per l’immigrazione», non ancora abrogato.

Paradossalmente è stato proprio l’attuale presidente della Cei, Angelo Bagnasco, a dichiarare su La Stampa di “non capire le critiche dei cattolici sugli imam in Chiesa”. Possibile che Bagnasco non conosca i documenti della stessa Cei: tutto questo non fa che generare confusione tra i fedeli cattolici. Facendo il gioco di quelle religioni che proprio su questa confusione si rafforzano.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. giacomo said:

    leggete meglio la bibbia , dio non esiste ! le religioni sono invenzioni per tenere buoni le masse di popolazioni , mentre i grandi potenti del pianeta vivono e se la godono tranquillamente a barba di noi tutti ignoranti

  2. MAtt Deamon said:

    Luca Cirimbilla, certo che non è difficile capire che sei di destra cattolica spinta. Gesù non disse porgi l’altra guancia? (o disse avvertili una volta e alla seconda mandali a caga**?). non disse ama i tuoi nemici? (o disse se ti odiano cacciali da casa tua?). Le religioni fanno tutte caga** primo perché contrappongo le persone, secondo perché dio non esiste. Viva l’ateismo e i valori dell’illuminismo. abbasso i religiosi, le religioni ed i fomentatori d’odio come te.

*

Top