Salute: “Automobilisti pesano 4 kg in più dei ciclisti”

Mediamente gli automobilisti sono 4kg più pesanti rispetto a chi usa la bici come mezzo di trasporto: è quanto emerge lo studio del progetto europeo Pasta.

La ricerca è stata condotto da un gruppo di esperti internazionali, compresa l’Organizzazione mondiale della Sanità, con l’obbiettivo di studiare come i differenti modi di trasporto si relazionano a livelli di attività fisica e di conseguenza alla salute delle persone. I ricercatori Pasta hanno monitorato oltre 11.000 volontari in sette città Europee chiedendo in che modo si spostano in città, che mezzo di trasportano usano e quanto tempo passano spostandosi.
Il progetto ha inoltre chiesto ai volontari di specificare altezza, peso e di fornire informazioni circa il loro atteggiamento nei confronti dell’andare a piedi, in bicicletta e se avessero avuto incidenti recentemente.

L’analisi dei dati raccolti ha evidenziato che gli automobilisti erano in media 4 kg più pesanti di chi si sposta in bicicletta. In merito alla ricerca, Adrian Davis, esperto di trasporto e salute Britannico e membro dell’advisory board di Pasta ha commentato: “Le persone fisicamente inattive hanno maggiori rischi di sviluppare malattie croniche come cancro, ictus, infarti e obesità. La nostra ricerca dimostra che fattori quali disegno urbano, il modo come ci spostiamo in città, l’uso della macchina, andare in bicicletta o l’andare a piedi giocano un ruolo importante nel determinare il livello dell’attività fisica giornaliero delle persone”.

Essere più attivi, dunque, non solo migliora la salute, ma fa bene anche al portafoglio dal momento che taglia i costi economici e migliora la qualità della vita. L’ideale – secondo Davis – sarebbe svolgere i 30 minuti di esercizi raccomandati semplicemente integrandoli nella tua routine di spostamenti giornalieri Invece di andare in palestra, ad esempio, prendi in considerazione andare a lavoro in bicicletta.

Elisabeth Raser, Capo progetto presso il BOKU institute di Vienna, ha aggiunto: “Questa è una grande opportunità per partecipare in un progetto pan-Europeo, dove i risultati aiuteranno a migliorare il disegno urbano delle città, la mobilità e la salute nelle città Europee”.
Il referente di Pasta per Roma Servizi per la Mobilità, Francesco Iacorossi, ha sottolineato come degli 11.000 volontari Europei 2.000 sono romani: “Roma è infatti la prima tra le 7 città studio coinvolte ad aver raggiunto l’obiettivo di reclutare 2000 cittadini attraverso il questionario on line. Lo studio di Pasta rafforza la nostra convinzione e volontà di investire in attività e misure per l’incremento della mobilità attiva in città come la European Cycling Challenge e il prossimo Bike Challenge 2016 sulla promozione degli spostamenti casa-lavoro”.

Il progetto Pasta, però, ha bisogno di più volontari che partecipino alla ricerca per aiutare a capire la relazione tra trasporto e salute. Chi vuole, può partecipare cliccando qui

 

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati

*

Top