Scoperto parcheggio abusivo in una cava vicino Malpensa

Parcheggio
Un parcheggio a Malpensa

147 Vetture stazionavano in un parcheggio illegale vicino lo scalo aeroportuale lombardo.

Dove parcheggiare arrivati in aeroporto? Sborsare una certa cifra per entrare in uno stallo legale, controllato, dove non ci si aspettano sorprese quando si riprende la macchina oppure optare per un posteggio più economico ma meno sicuro?

I turisti arrivati a Malpensa con la loro quattro ruote se lo saranno chiesti in migliaia e più di qualcuno, pur di non pagare importi eccessivi, avrà scelto di affidare il veicolo a qualcuno che lo avrebbe piazzato in aree diciamo “non convenzionali”.

E’ il caso della cava di Lonate Pozzolo, dove sono stoccate tonnellate di rifiuti, riconvertita a parcheggio in alternativa ai costosi stalli di Malpensa. Ma questo è l’ultimo caso in ordine di tempo, perché la storia delle rimesse abusive fiorite attorno alla scalo aeroportuale va indietro di alcuni anni. Nel 2010, infatti, i Carabinieri sequestrarono diverse aree del Parco del Ticino preposte allo stallo temporaneo delle automobili e alla revoca di alcune licenze.

Il trucco che usavano (e usano) i truffatori è quello di farsi lasciare le chiavi del veicolo che in un secondo momento collocano, all’insaputa dell’ignaro proprietario, in posti improvvisati. Restituendoglielo talvolta con ammaccature e graffi.

Una truffa bella e buona, incoraggiata dai prezzi bassi e ordita dal gestore della Malpensa Parking e dal responsabile legale della Cava Rossetti di Lonate Pozzolo, denunciati all’autorità giudiziaria.

Gli importi incredibilmente ridotti di questo modo di fare concorrenza sleale dovrebbero invece far pensare alle modalità su come e dove venga custodita un’automobile, e non sempre il risparmio e la comodità sono associati alla legalità e alla sicurezza.

In alternativa, perchè non optare per il mezzo pubblico?

Articoli correlati

*

Top