Acea, “conguagli pazzi”: ne è arrivato uno da 65mila euro

Daniele Cametti Aspri mostra la maxi bolletta

Verrebbe da dire che questa vicenda ha dell’incredibile. Ma considerato a cosa ci ha abituato Acea – tra bollette e conguagli pazzi – non resta che restare, ancora una volta, basiti.

La storia è quella di Daniele Cametti Aspri, di professione fotografo, racconta in un post su Facebook di aver ricevuto un maxi-conguaglio Acea da oltre 65mila euro. Avete letto bene. “La prendo a ridere, mi sento male – scrive – vivo ormai da giorni in uno stato confusionale perenne e con la pressione alle stelle“.

Acea, faccia di tolla, ha ribadito che si tratta di un’ordinaria operazione di conguaglio di dieci anni. “Non so, ma per me 65 mila cinquecentoottantuno virgola 80 euro” di bolletta, un conguaglio, “non sono mai stati ‘ordinari'” – commenta sconsolato il fotografo che ha anche accusato un malore.

Io volevo essere ordinario, un figlio normale, una famiglia normale, una vita normale. La mia aspirazione ‘straordinaria’ era quella di diventare un bravo fotografo ma mi hanno tolto anche quella, eclissandola dietro #lagrandebolletta dopo la quale non ho più una vita. Ma sì, la voglio prendere bene, ‘ordinariamente’“.

Prova a prenderla con un po’ di ironia, ma l’angoscia è tanta. Si tratta di una cifra considerevole e Acea non ha mai brillato per attenzione alle esigenze dei propri clienti. Vuole quei soldi e farà di tutto per averli.

La fattura – spiega Acea in una nota – deriva da un’ordinaria operazione di conguaglio a seguito della ricezioni da parte dei distributori dei consumi effettivi riguardanti un periodo di 10 anni, su una utenza elettrica di 6 KW e senza alcuna correlazione con il cambio di gestore operato dal cliente. L’esattezza dell’importo è stato inoltre frutto di un confronto di dati fra il venditore (Acea Energia) e il distributore, in modo da garantire al cliente l’incontrovertibile esattezza dei calcoli. Sono state inoltre avviate ulteriori verifiche sulle cause tecniche che possano aver determinato tale situazione”.

Soprattutto, sottolinea “che il cliente ha diritto di eccepire la prescrizione e ricevere la rateizzazione del conguaglio“. Quanta benevolenza! Del fatto che sono anni che Acea fa impazzire i romani con le sue bollette ne vogliamo parlare?

Articoli correlati

*

Top