Il Tempo cambia editore: via Bonifaci, arriva Angelucci

“Il Tempo è ora ufficialmente di proprietà del gruppo Tosinvest della famiglia Angelucci. Con un importante sforzo finanziario, in tempi di crisi nera per la carta stampata, il nuovo editore ha dimostrato di credere fortemente in un prodotto che si è imposto per coraggio, obiettività, scoop e una buona dose di sfrontatezza”. 

Recita così l’editoriale di questa mattina del direttore del quotidiano romano, Gian Marco Chiocci.

Una notizia che circolava da mesi, che ora è diventata ufficiale. Termina così l’era Bonifaci ed inizia l’era Angelucci. L’obiettivo è dichiarato: rilanciare le sorti del giornale, salvatosi dal fallimento davvero per il rotto della cuffia.

Cosa cambierà con la nuova proprietà? Ancora é tutto da definire per quel che riguarda linea editoriale e “nomi di spicco” che faranno parte de “Il Tempo”.

Di certo si sa che, dei 34 giornalisti ancora sotto contratto, ne sono rimasti 22. Gli altri 12 (messi comunque in cassa integrazione) sono stati mandati via.
Si tratta di tutti quelli vicini alla pensione (con uno stipendio alto), alcuni dei quali potrebbero passare al “Fatto Quotidiano.

L’obiettivo del nuovo Tempo é chiaro: puntare sui giovani. Tutte le scelte sono state fatte in maniera oculata, per non lasciare nulla al caso, seguendo un criterio lavorativo ben preciso. Una sorta di selezione naturale dalla quale dovrà ripartire il quotidiano.

È scontato che, per vedere risultati concreti, ci vorrà del tempo, che la rinascita é appena cominciata e che quindi ci vorrà pazienza. La notizia importante é che Il Tempo non fallirà e continuerà ad esistere. Grazie a Giampaolo Angelucci.

Intanto, nel centrodestra, c’è grande fermento per l’uscita del nuovo giornale di Maurizio Belpietro (mandato via dal Tempo) “La Verità”.

Articoli correlati

*

Top